Depurazione in Calabria: 10 misure cautelari, coinvolto un sindaco nel Cosentino

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Depurazione in Calabria: 10 misure cautelari, coinvolto un sindaco nel Cosentino
Foto di archivio di un'automobile dei carabinieri
  20 luglio 2021 09:50

Dieci misure cautelari, tra interdittive e arresti domiciliari, sono state emesse dal Gip di Paola, Rosa Maria Misiti ed eseguite dai carabinieri in alcuni comuni dell'alto Tirreno cosentino, tra cui S.Nicola Arcella, Buonvicino e Diamante.

Fra gli indagati, un sindaco, tre responsabili degli Uffici tecnici di comuni, vari imprenditori e un tecnico dell'Arpacal. L'indagine riguarda una serie di illeciti riguardanti procedure ad evidenza pubblica nel settore della depurazione. In particolare, sono state ricostruite condotte collusive e fraudolente finalizzate ad avvantaggiare uno o più operatori economici con riguardo ad appalti. 

Banner

Sono scattati gli arresti domiciliari per Tiziano Torrano, 49 anni, di Diamante; Pasqualino De Summa, 57 anni, di Diamante; Giuseppe Maurizio Arieta, 57 anni, di Scalea; Maria Mandato, 57 anni, di San Nicola Arcella. Per il sindaco di San Nicola Arcella Barbara Mele, 51 anni, obbligo di presentazione e firma alla polizia giudiziaria. E’ stata disposta la sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio per 12 mesi per Albina Rosaria Farace, 43 anni, di Santa Maria del Cedro e per il tecnico dell’Arpacal Francesco Fullone, 43 anni, di San Nicola Arcella mentre è stato disposto il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione per 12 mesi per Enzo Ritondale, 41 anni, di Diamante; per Renato La Sorte, 54 anni, di Nocera Terinese per sei mesi. Infine per l’assessore del Comune di Belvedere Vincenzo Cristofaro, 51 anni, di Belvedere Marittimo divietò di esercitare la professione di ingegnere per 12 mesi.

Banner

Indagati a piede libero

Banner

Alberto De Meo, 52 anni, di Santa Maria del Cedro,


 
Francesco Astorino, 39 anni, di Buonvicino;

Giovanni Amoroso, 42 anni, di Buonvicino;


 
Giovanni Palmieri, 48 anni, di Paola;

Giuseppe Oliva, 56 anni, di Papasidero;

Vincenzo Perrone, 64 anni, di Papasidero;

Virgilio Cordero, 62 anni, di San Nicola Arcella.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner