Detenevano armi e cartucce, 3 denunce nel Reggino: tra loro anche una donna residente in Veneto

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Detenevano armi e cartucce, 3 denunce nel Reggino: tra loro anche una donna residente in Veneto

  04 novembre 2023 07:11

 

I Carabinieri della Compagnia di Palmi hanno portato a termine una serie di controlli in più comuni, finalizzati ad accertare la regolarità della documentazione necessaria alla detenzione e al porto di armi da fuoco.

Banner

All’esito dei numerosi accertamenti, prevalentemente regolari, i militari hanno denunciato 3 persone: un uomo di Delianuova, uno di Sinopoli, trovati entrambi in possesso di munizioni mai denunciate, e una donna originaria di Seminara che deteneva armi da fuoco e cartucce senza alcun titolo.

Banner

In particolare, quest’ultima aveva in suo possesso una pistola, un fucile da caccia e 60 munizioni all’interno della sua abitazione a Seminara. All’atto del controllo da parte dei militari della Stazione, è stato accertato come non solo la signora non avesse mai ottenuto il porto d’armi ma anche che tale abitazione, che lei stessa frequenta saltuariamente poiché residente in Veneto, risultava pressoché in disuso e accessibile a chiunque con minimo sforzo.

Banner

  Il materiale rinvenuto era avvolto semplicemente in un giornale, senza alcun tipo di misura di sicurezza atta a prevenire il furto da parte di terzi, dovere esplicito di ogni detentore di armi previsto dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. Riguardo i due uomini invece, i carabinieri, nel corso dei controlli, hanno rilevato che la quantità di particolari munizioni a palla unica in loro possesso era superiore a quella denunciata. I 3 soggetti sono quindi stati segnalati all’Autorità Giudiziaria di Palmi ed è scattato il sequestro delle loro armi e delle munizioni.

Ulteriori controlli hanno consentito anche di sequestrare 2 fucili da caccia, riconducibili a due distinte persone decedute. Infatti, i militari hanno rinvenuto le armi nelle abitazioni dei defunti genitori che le detenevano senza alcun titolo, come emerso da successivi approfondimenti, all’insaputa degli eredi.

Gli accertamenti sulla documentazione inerente al possesso di armi e cartucce risultano indispensabili e continuano ad essere parte quotidiana dell’attività dei Carabinieri, sia per reprimere condotte illecite di possesso non documentato di armi e munizioni, sia per prevenire possibili furti tramite la verifica delle modalità di custodia del tale materiale.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner