Diffamazioni ed estorsioni al San Francesco hospital: accuse archiviate per Fabiano, Serrao e Suppa

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Diffamazioni ed estorsioni al San Francesco hospital: accuse archiviate per Fabiano, Serrao e Suppa
r
  10 settembre 2021 11:07

Denunce dal contenuto diffamatorio anche riproposte su testate giornalistiche e televisive, una vera e propria associazione a delinquere perfino mediante l'associazione culturale  "I Quartieri",  finalizzata  a condotte diffamatorie ed estorsive. Lo scopo: diffamare, mediante ogni mezzo di comunicazione, l'operato del San Francesco Hospital. 

Ma per la giudice di Catanzaro Teresa Guerrieri deve escludersi l'esistenza di condotte calunniose e diffamatorie che, secondo la denuncia del legale rappresentante dell'associazione "Vivere Insieme" (affidataria della Rsa San Francesco Hospital), Massimo Poggi, sarebbero stato messe in atto da  Antonello Fabiano, 1970; Francesco Suppa, classe 1970,  Alfredo Serrao, 1964 (dell'associazione culturale  "I Quartieri"), avvenute dopo la morte dei genitori di Fabiano, deceduti presso la struttura per cause indipendenti da condotte dei sanitari. 

D'accordo con la richiesta del pubblico ministero, dunque, il gip ha archiviato le accuse nei confronti dei tre indagati anche in virtù degli scarsi elementi riscontrati per le  restanti  condotte  addebitate  agli indagati:  "La  prospettazione  dell'esponente  si  appalesa  confusa  e generica , non risultando ad esempio circostanzia ti i termini della richiesta estorsiva consumata da Suppa ai danni dell'esponente; rilevato  che condivisibilmente con la prospettazione accusatoria non può ravvisarvi alcuna ipotesi delittuosa  in ciò che  si ritiene essere legittimo esercizio dei propri diritti". 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner