"Diritti delle Donne lavoratrici, rischi infortunistici e tutela del lavoro": lo studio di Anmil lunedì 7 marzo in Regione

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Diritti delle Donne lavoratrici, rischi infortunistici e tutela del lavoro": lo studio di Anmil lunedì 7 marzo in Regione

  03 marzo 2022 13:09

L’ANMIL che da circa 80 anni si occupa della tutela delle vittime del lavoro e di promuovere la cultura della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, in vista della Giornata internazionale della donna ha inteso realizzare uno studio dal titolo “Diritti delle donne lavoratrici, rischi infortunistici e tutela del lavoro”, che sarà presentato nella Sala Verde della Cittadella Regionale a Catanzaro, lunedì 7 marzo alle ore 11.

Aprirà i lavori Luigi Francesco Cuomo, consigliere nazionale Anmil; Antonio Carlizzi, presidente regionale Anmil;  Fabio Lo Faro direttore regionale Inail; Vito Antonio Lorusso presidente nazionale Caf Anmil; Francesco Costantino presidente nazionale Fondazione Anmil, Antonio Domma, presidente territoriale Cosenza; Antonio Carcella presidente territoriale Crotone;  Michele Caridà, presidente territoriale Vibo Valentia, Antonio Tavano presidente territoriale Catanzaro.
interverranno rappresentanti della Croce Rossa Italiana, dell'Università Magna Graecia, dell'ospedale Pugliese di Catanzaro e varie associazioni di protezione civile. Sono stati invitati il Governatore Roberto Occhiuto e l'assessore Tilde Minasi,

Banner

Negli ultimi due anni, come gran parte del pianeta, l’Italia è stata stravolta dalla pandemia da Covid-19 che ha avuto forti ripercussioni negative su tutti gli aspetti della vita sociale, lavorativa e  familiare e, a partire dalla dichiarazione di pandemia di Covid-19, numerosi sono stati i provvedimenti normativi e regolatori finalizzati a contrastare la diffusione del contagio: dall’impiego degli strumenti di flessibilità organizzativa ai congedi parentali fino al lavoro agile e da remoto, ma il perdurare dell’emergenza ha complicato la vita lavorativa delle donne mettendo a rischio la tutela del loro ruolo professionale considerando le esigenze di gestire figli in quarantena, Dad e anziani senza aver previsto alcuna misura che le preservasse dalle ripercussioni più gravi.

Banner

Questo studio sarà anche l’occasione per comprendere, attraverso i dati del fenomeno infortunistico, come la ripresa economica e gli infortuni siano strettamente collegati e in forte aumento anche in ambito femminile.  

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner