Doppi turni di entrata e uscita a scuola. Zicchinella: "Così si creano disuguaglianze a sfavore delle aree interne" 

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Doppi turni di entrata e uscita a scuola. Zicchinella: "Così si creano disuguaglianze a sfavore delle aree interne" 
Davide Zicchinella

 Il sindaco di Sellia e consigliere provinciale presenterà un'interrogazione in Consiglio provinciale

  18 settembre 2021 13:52

 Il sindaco di Sellia e consigliere provinciale Davide Zicchinella ha reso noto che presenterà un'interrogazione in Consiglio provinciale in merito all'ingresso degli studenti nelle scuole, previsto suddiviso nei due cicli delle 8 e delle 10.

Zicchinella ha sottolineato come la pandemia non sia iniziata adesso dunque "al terzo anno scolastico in emergenza sarebbe stato necessaria organizzarsi in tempo e non penalizzando i centri interni e le persone che abitano qui e che hanno a disposizione solo una corsa  bus che parte la mattina presto".

Banner

"Non si può pretendere che un giovane parta alle 6 e rientri la sera tardi perché non ci sono corse intermedie. Questo - ha aggiunto - oltre a determinare uno squilibrio fra le zone interne e quelle più servite centrali determina un danno all'apprendimento dei ragazzi che hanno necessità di fornire un minimo di ore per poter apprendere efficacemente. È già difficile vivere nei borghi se nemmeno i servizi minimi vengono garantiti diventa impossibile e scelte come queste finiscono per rovinare ogni sforzo per la ripresa dei centri interni. Anche all'istituto comprensivo di Simeri è stata previsto un ingresso che non tiene conto, ad esempio,  di studenti con disabilità.  Ad esempio noi quest'anno saremo costretti a fare tre diversi viaggi per tre studenti disabili".

Banner

Il consigliere ha sottolineato: "Si fanno gli orari senza tener presente che ci possono essere persone svantaggiate sia da un punto di vista geografico che per la disabilità. Queste persone che vivono in realtà periferiche dovrebbero essere le più tutelate perché hanno già difficoltà di accesso alla rete ed accesso ai servizi culturali ridotti. Ci si muove senza tenere in considerazione le aree interne e chi vive qui".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner