Dulbecco, Cisl Medici: "Inadeguatezza gestionale dall’ex Pugliese alla direzione Carbone"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Dulbecco, Cisl Medici: "Inadeguatezza gestionale dall’ex Pugliese alla direzione Carbone"
Ospedale Pugliese Catanzaro
  23 febbraio 2024 11:03

"Malgrado il decreto del 26 gennaio 2024 del Giudice del Lavoro di Catanzaro che ha condannato l’AOU “Renato Dulbecco” per la condotta antisindacale riferita alla costituzione dei “fondi contrattuali della dirigenza medica, sanitaria, professionale ed amministrativa anno 2022 della già AO “Pugliese Ciaccio”, incorporata nella prima mediante fusione, il management persevera in un comportamento lesivo dei diritti dei lavoratori e delle prerogative delle OO.SS", scrive in una nota il Dott. Nino Accorinti, Federazione CISL MEDICI Calabria.

"Da quanto appreso informalmente, infatti, - prosegue -  invece di ricostituire nella loro integrità con i relativi incrementi per l’applicazione di norme di legge e per l’assunzione del personale i fondi di retribuzione lesi,  per gli anni 2020-2021-2022, persisterebbero le direttive del duo Procopio/Mantella dell’ex “Pugliese Ciaccio”, quest’ultimo ora direttore amministrativo dell’AOU “Renato Dulbecco”. La Cisl medici denuncia da tempo il comportamento illegittimo produttivo di ingenti danni nei confronti dei dirigenti sanitari. In particolare, la “distrazione” delle somme assegnate dalla Regione ai sensi e per gli effetti degli articoli 435 e 435 bis della L. 205/2017 relativamente agli anni 2020/2021/2022 per consentire il recupero, a favore della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria, della retribuzione individuale di anzianità (RIA), somme che devono andare ad incrementare stabilmente anno su anno i fondi contrattuali come specificato dalla Ragioneria dello Stato".

Banner

"Ed ancora, non sono state accantonate e riportate in bilancio, - spiega - come debiti verso il personale, le somme per gli incrementi dei fondi contrattuali, previsti dal Decreto Calabria, in seguito all’assunzione di nuovo personale che produce una penalizzazione della retribuzione media pro capite rispetto al 2018 del personale già in servizio. Eppure, nel 2022 la Regione ha assegnato 35 milioni del fondo sanitario regionale per il bilancio consuntivo 2021 all’ex “Pugliese Ciaccio” che ha permesso al management, omettendo di considerare l’incremento dei fondi contrattuali, la chiusura positiva dello stesso bilancio di circa 5 milioni. Ma vi è di più. Il management Procopio/Mantella ha violato la metodologia esplicitata dalla Ragioneria dello Stato dell’agosto 2020 secondo cui il valore del fondo per la retribuzione accessoria a livello aziendale deve essere calcolato in due momenti, in modo presuntivo all’inizio dell’anno ed a consuntivo alla fine dell’anno, al fine di non ostacolare o addirittura penalizzare la contrattazione integrativa aziendale. Così non è stato né per il 2020 e né per il 2021, il cui fondo è stato costituito a giugno dello stesso anno, senza preventiva informativa alle OO.SS. Intollerabile una tale incompetenza!"

Banner

"Orbene, l’attuale management della “Dulbecco” dovrebbe chiarire come mai solo ora con il mese di febbraio 2024 è stata assegnata la retribuzione di risultato 2021 – sebbene sia attiva la struttura  “tuttofare” del Controllo di Gestione “ex Pugliese” che assegna gli obiettivi, effettua il monitoraggio e perfino i calcoli per la stessa retribuzione – e perché non viene data nessuna informativa sulle relative risorse malgrado le ripetute richieste della Cisl Medici del 8 novembre e del 30 novembre 2023, del 3 gennaio e del 8 febbraio 2024. Forse si vuole occultare, vista la esiguità delle retribuzioni decurtate di ben oltre il 50% rispetto al 2020, l’utilizzo del fondo 2021 per altri fini?  Viceversa, all’ex Commissario Procopio è stato liquidato con delibera n. 244 del 19.02.2024 dal Commissario Carbone, con la firma anche del suo ex Direttore Amministrativo Mantella, il compenso aggiuntivo in relazione ai risultati raggiunti per l’anno 2021 nella misura di circa 22.000 euro. La Cisl Medici ritiene inaccettabile la violazione di norme e contratti, ed in relazione al compito istituzionale del sindacato consistente nella tutela a 360 gradi degli interessi dei lavoratori, ha predisposto un esposto circostanziato alla magistratura penale e contabile".

Banner

    

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner