Dulbecco. Secondo pronto soccorso, atto aziendale e studi clinici: parla il commissario Simona Carbone

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Dulbecco. Secondo pronto soccorso, atto aziendale e studi clinici: parla il commissario Simona Carbone
La dottoressa Simona Carbone, Commissario dell'AOU Dulbecco di Catanzaro

Nel messaggio di auguri, il commissario della Dulbecco fa il punto della situazione e rilancia le sfide

  29 dicembre 2023 21:07

di GABRIELE RUBINO

Fatta la legge e istituita sulla carta, adesso bisogna 'fare' l'Aou 'Renato Dulbecco'. La fusione dell'ex Pugliese-Ciaccio e Mater Domini è un'operazione delicata e dagli esiti tutti da scrivere. Quando si mettono assieme due mondi distinti e che hanno viaggiato su logiche diverse escono fuori resistenze e difficoltà. Di questo se ne è resa progressivamente Simona Carbone. Il commissario straordinario, probabilmente anche per mettere a tacere un insistente chiacchiericcio su un presunto passo indietro, ha inviato a tutti i dipendenti un messaggio di auguri per il nuovo anno in cui, fra le righe, conferma di voler rimanere in sella al polo sanitario più grande della Calabria e rilancia le sfide avviate. E lo si capisce bene quando puntualizza: "La scelta di mettermi in gioco si è basata sulla convinzione di poter perseguire, fino in fondo, gli obiettivi assegnatimi dal Commissario ad Acta e quelli previsti dal Protocollo di Intesa".

Banner

La Carbone tocca i punti più caldi sottolineati da La Nuova Calabria (LEGGI QUI) nei giorni scorsi e dà alcune notizie. 

Banner

NUOVO PRONTO SOCCORSO- "In pochissimo tempo abbiamo avviato e formalizzato, d’intesa con il Magnifico Rettore che ringrazio per primo, la proposta tecnico-operativa per il nuovo pronto soccorso per il quale è stato già previsto il finanziamento, oggetto di un incontro tecnico al Ministero previsto per la prima decade di gennaio". Scrive la Carbone. Il progetto da 15 milioni di euro per il pronto soccorso (e le nuove sale operatorie) al Policlinico quindi dovrebbe rientrare nell'accordo di programma quadro con il ministero. Ricordiamo che, proprio grazie all'integrazione, sono stati finalmente sbloccati i fondi per il nuovo ospedale nel Capoluogo, circa 235 milioni ex articolo 20 della legge n. 67/88. In parallelo ci sarebbero altri 87 milioni dell'Inail. Tornando ai tempi del pronto soccorso, è presumibile che la stima di ultimazione dei lavori in due anni sia stata pessimista. Più realista è quella di 18 mesi, mentre quella più ottimista è di un anno. 

ATTO AZIENDALE- Poi la Carbone conferma un'altra anticipazione: "Abbiamo già redatto (e richiesto parere al Magnifico Rettore ) la bozza relativa al nuovo Atto Aziendale, che contiamo di sottoporre all’attenzione delle OO.SS. e degli stakeholders nel prossimo mese di gennaio, così da consentire in breve tempo di effettuare la graduazione delle funzioni ed il conferimento degli incarichi". Inutile dire che questo sarà un passaggio cruciale, anche perché l'ex Aou Mater Domini non ha mai avuto un atto aziendale e vanno contemperati gli interessi degli universitari. L'azienda ha trasmesso due possibili modelli su cui si dovrà pronunciare il rettore. 

REGOLAMENTI ALPI E STUDI CLINICI- E arriviamo agli altri punti. Mercoledì scorso c'è stato un incontro con i sindacati sui nuovi regolamenti Alpi e studi clinici. Sul primo si è arrivati ad analizzare fino all'articolo 13. La Carbone dice: "Abbiamo già avviato gli incontri con le OO.SS. su temi particolarmente delicati quali il regolamento sulle attività libero-professionali e sulle sperimentazioni scientifiche, per la qualcosa abbiamo già fissato la seconda riunione  per giorno 8 gennaio. Abbiamo altresì avviato sia la riorganizzazione dei Sistemi Informativi, a supporto di tutte le attività aziendali, sia l’attivazione di un Cruscotto Direzionale a supporto del Piano Performance".

I RINGRAZIAMENTI- La Carbone ha voluto ringraziare "particolarmente il Direttore Amministrativo e Sanitario ed il Direttore del Dipartimento di Staff con il relativo team che hanno consentito tutto ciò. Voglio ringraziare le segreterie e tutti i Responsabili degli uffici amministrativi e i loro collaboratori che, oltre a garantire le attività istituzionali stanno sostenendo l’onere della “fusione” dei processi amministrativi; Ciò fornirà un “potente motore” alla fusione stessa ed anche grazie a loro riusciremo sicuramente a far andare a buon fine l’intero processo. Voglio ancora ringraziare tutti i medici, ospedalieri ed universitari, le Direzioni Sanitarie, i docenti, il personale tecnico ed infermieristico e quello di supporto che in tale circostanza hanno continuato a garantire ai cittadini, senza interruzioni, l’assistenza, le attività formative e di ricerca ed i servizi sanitari di cui hanno diritto. Le  “leve” di un Commissario Straordinario spesso agiscono e perseguono soluzioni a breve termine, mentre sono sicura della necessità di dover strutturare anche soluzioni a medio e lungo termine, alle quali  concorrono gli attori politici che hanno garantito sin da subito il necessario supporto. Colgo quindi tale occasione per ringraziare anche il Presidente e Commissario ad Acta Roberto Occhiuto, ed il Presidente del Consiglio Regionale Mancuso,  anche quale promotore della legge per la  creazione della AOU “R.Dulbecco”, unitamente e tutti gli attori politici che a vario titolo hanno positivamente concorso al raggiungimento di questi primi obiettivi, punto di partenza per il futuro".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner