Emergenza idrica nel Crotonese. Indagato il sindaco di Cotronei: avrebbe "manomesso" l'erogazione d'acqua

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Emergenza idrica nel Crotonese. Indagato il sindaco di Cotronei: avrebbe "manomesso" l'erogazione d'acqua
Nicola Belcastro, sindaco di Cotronei
  08 agosto 2021 12:30

Dopo la manomissione del partitore idrico ubicato a Cotronei, località Trepidò, che ha provocato un minore afflusso idrico in altri comuni limitrofi, la Procura della Repubblica di Crotone, all’esito delle indagini espletate dai carabinieri del Comando Provinciale di Crotone, ha emesso un avviso di garanzia nei confronti del sindaco di Cotronei, Nicola Belcastro, per l’ipotesi di reato di cui agli artt. 340, 420 e 635 c.p. (interruzione di pubblico servizio, attentato a impianti di pubblica utilità e danneggiamento aggravato), tempestivamente notificato dagli stessi carabinieri.

Da quanto emerso, l’attività di manomissione sarebbe stata commessa  il 5 agosto scorso dal primo cittadino che, introdottosi nel manufatto che ospita il partitore idrico, forzando il lucchetto posto a chiusura del portone in metallo, avrebbe agito sulle valvole di erogazione dell’acqua potabile, variando illegittimamente il flusso idrico.

Banner

Il partitore idrico è stato sottoposto a sequestro penale. Le indagini sono in corso anche al fine di individuare eventuali ulteriori responsabilità.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner