Emergenza incendi a Catanzaro. Comune, gruppo FI : “Perchè il personale discontinuo dei Vigili del fuoco non è stato richiamato in servizio?”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Emergenza incendi a Catanzaro. Comune, gruppo FI : “Perchè il personale discontinuo dei Vigili del fuoco non è stato richiamato in servizio?”
Incendi
  11 agosto 2021 11:54

“L’emergenza incendi che sta colpendo in maniera drammatica tutta la provincia di Catanzaro ha riportato al centro dell’attenzione anche la problematica del personale insufficiente a fronteggiare la situazione. Quest’anno, a differenza dei precedenti, ci è giunta notizia che non si proceduto al richiamo del personale discontinuo iscritto negli elenchi del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco".

Così in una nota stampa del Capogruppo di Forza Italia, Giulia Procopi, e del coordinatore cittadino di FI, Ivan Cardamone. "Si tratta di lavoratori, - proseguono - formati e con le stesse qualifiche del personale permanente, che possono essere utilizzati, per brevi periodi, al fine di colmare le carenze di organico, andando ad integrare le squadre di intervento. Si tratta di personale che ha sempre operato sul campo, affiancando e integrando il personale permanente per la copertura di servizi essenziali. Mai come ora, ci sarebbe bisogno di attingere a questo tipo di graduatorie per supportare gli sforzi ingenti che i Vigili del Fuoco stanno sostenendo per spegnere le decine e decine di roghi sparsi su tutto il territorio. Sono giunti appelli da più parti, anche da Calabria Verde, riguardo alla difficoltà di garantire una risposta efficiente e rapida a tutte le emergenze di questi giorni".

Banner

"Ci chiediamo, come mai il personale discontinuo non è stato richiamato? Quali sono le problematiche che ne impediscono l’utilizzo? - concludono - I pericoli e i danni provocati dagli incendi durante l’estate, con il caldo sempre più forte, chiamano alla responsabilità tutte le autorità preposte all’ordine e alla sicurezza pubblica, perché la tutela dei cittadini e del nostro patrimonio ambientale non possono passare in secondo piano”.

Banner

 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner