Europee, Vincenzo Speziali: "La mia candidatura viene a mancare all'ultimo minuto"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Europee, Vincenzo Speziali: "La mia candidatura viene a mancare all'ultimo minuto"

  02 maggio 2024 16:35

di VINCENZO SPEZIALI

 
La mia candidatura per le elezioni europee -si badi bene: competizione elettorale a fronte di sano e lecito consenso, quindi giammai per avvenuta cooptazione- viene a mancare all'ultimo minuto.
Non me ne cruccio, poiché ben altri prima di me hanno 'perduto' diverse battaglie politiche (persino il mio Presidente Moro, oppure lo stesso Arnaldo Forlani, ogni giorno nel mio cuore), eppure, ciononostante, continuerò a vivere per la politica e non di politica: la differenza non è banale, soprattutto perché -magari ammettendo io stesso degli errori- per quanto mi riguarda, non verrò mai meno nel dare aiuto ed assistenza alle persone, così come alla parola data.
 
Ringrazio quindi il Presidente Matteo Renzi, a cui -come gli ho detto- confermo di non far mancare il mio sostegno per lui e per la lista (oltre che per il progetto politico e mi rallegro della sua presenza la quale potrà avere influito circa la mia partecipazione) e parimenti farò votare con maggiore passione lui stesso, assieme alla Senatrice Sandra Mastella. Costei, difatti, in queste ore, ha avuto per me atteggiamenti di madre, che in altre e plurime occasioni passate ha dimostrato, sempre e comunque: la ringrazio!
 
Allo stesso tempo, sono grato all'On. Maria Elena Boschi per altrettanta e sincera vicinanza, umana ed affettiva e all'On. Clemente Mastella (gigante più di tutti, per storia, preparazione ed umanita`) e agli Onorevoli Giuseppe Siciliani, Angelo Sanza,  Domenico Tallini, Giovanni Bilardi, Giuseppe Peda`, Pietro Fuda, Marilina Intrieri, Michele Trematerra, senza dimenticare Mario Tassone e Donato Veraldi, i quali (con i defunti Angelo Donato, Lillo Manti e Carmelo Pujia) mi hanno allevato in un'epoca lontana e passata, che al momento mi pare irripetibile, formandomi insieme a Rocco Anello, Vincenzo Serraao, Franco Fiorita, Marcello Furriolo e Franco Petramala. Tanti e tante altre avrei da citare, epperò il pensiero emozionato corre veloce, pur non dimenticando Agazio Loiero, Ernesto Pucci (il primo leader democristiano da me conosciuto), Clara Sanginiti, Marisa Faga`(altra 'mamma') e soprattutto l'anima benedetta di Anna Maria Nucci (...'zzi Annamari` ti penso ogni giorno, ma tu lo sai: ci parliamo attraverso le preghiere).
 
Aveva ragione il Principe di Salina (nel Gattopardo) "questo è il momento degli sciacalli", ma principe per principe (...so di esserlo, moralmente, della mia Bovalino), mi porta a non derogare alla mia dignità di uomo e di politico: ci può pure 'stare tutto ciò' e non polemizzo -sono di 'scuderia'- quindi sarò in campo comunque, nonostante l'esclusione dovuta alla di mia personale 'forza elettorale', con buonapace di  Nunzia Paese.
In ogni modo tengo nel cuore quanto mi ha detto mia moglie "ti amo", dando un pensiero a chi è 'la mia vita' (magari indegna!), cioè i miei figli, i quali d'uopo, 'sono la mia vita'. Ordunque 'battaglia elettorale sia' perché non mollo, anzi rilancio ed io non manco di parola con le persone: me ne faccio carico morale, ovvero si votino Renzi e Mastella ed anche Varacalli. Sono di Bovalino e prediligo il territorio -il nostro territorio (composto di legalità e senso dello Stato che avrei rappresento, laddove Renzi e Mastella verranno)- ma purtuttavia non obliando alla ' mia Catanzaro': al Sindaco in carica, devo dire grazie, poiché ha dimostrato affetto verso di me ("Nico`,sei stato amico, quanto e come sei: ti voglio bene!). Così come a Matteo Renzi ribadisco che vi sarò per lui, e per Sandra .
 
Altro  non 'aggiungo , sennò la locuzione  'voto per Sandra Mastella e per Matteo Renzi', ringraziando, principalmente i miei amici di infanzia, i quali con la loro differente attitudine, liberamente, si comporteranno nei confronti di chicchessia, pur se io sono e rimango 'la politica', al pari di  mio nonno. Un'ultima cosa: pur se molti fanno di tutto alfine di indurmi nel demordere e abbandonare la politica, non si vuol capire che in tal casi utilizzerò i miei metodi per contrastarli, poiché sono coerente con me stesso e mai, mai nella vita rinnegherò la mia stessa esistenza, cioè la politica stessa o quanto mi rende -con tutti i miei tanti difetti- ancora orgogliosamente di Bovalino. Io sono e sarò credibile comunque, innamorato ed esperto dell'umanità, rispetto alla quale mi inchino, per cui  mi batterò sempre.
 
 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner