Falcomatà: "Basta tagli ai comuni. Serve una più equa distribuzione dei fondi tra Nord e Sud"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Falcomatà: "Basta tagli ai comuni. Serve una più equa distribuzione dei fondi tra Nord e Sud"

  26 ottobre 2019 17:56

Il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà è intervenuto a Salerno, in qualità di relatore, al primo incontro della scuola di formazione politica "Amministrazioni locali e Buona politica - Lo sviluppo del Paese parte dalle città", un evento organizzato da "Politeia" e "Articolo41" che raccoglie l'interesse di numerosi giovani e rappresentanti degli enti pubblici. Anche in qualità di delegato Anci per il Mezzogiorno e le Politiche di Coesione territoriale, è scritto in una nota, il sindaco "si è concentrato sulle difficoltà economiche dei Comuni, molto spesso costretti a rispondere a consistenti Piani di riequilibrio ed ai tagli sui trasferimenti statali che rischiano di compromettere il delicato lavoro di programmazione", chiamati "a fare leva su riscorse esterne, come i fondi riservati alle Politiche di coesione, che da stanziamenti straordinari diventano insopportabilmente finanziamenti suppletivi. Non può essere possibile".

"Tagli - ha spiegato Falcomatà - che poco o nulla incidono sull'abisso del debito pubblico. Piuttosto, bisognerebbe concentrare maggiori risorse per dare la possibilità di assumere così da far respirare l'apparato burocratico e amministrativo dell'Ente, alle prese col sempre più rapido dimensionamento degli organici, e consentire di fermare l'emorragia di giovani che, come si evince anche dall'ultimo rapporto della "Fondazione Migrantes", lasciano il Mezzogiorno per andare a trovare riparo e conforto all'estero". Da Facomatà è arrivato un "basta" ai tagli e la richiesta di una "più equa e giusta" ripartizione dei fondi statali fra Nord e Sud del Paese: "E' quanto mai obbligatorio restituire, alle Politiche di coesione, il ruolo di risorse aggiuntive e non sostitutive. Al nostro insediamento non c'era neanche un asilo nido aperto. Tutte le strutture erano chiuse a causa dei tagli ai fondi per l'istruzione. Ne abbiamo riaperti tre, ma soltanto grazie ai Pac, i Piani di azione e coesione, che dovrebbero, per l'appunto, servire come finanziamenti aggiuntivi alla programmazione, ma sono diventati sostituiti per l'assenza pressoché totale di investimenti ordinari. Può mai essere possibile?. Necessaria, quindi, appare la riforma della Contabilità degli enti locali atteso che le leggi sul dissesto ed il predissesto hanno fallito. Un Comune che dichiara default - ha continuato il primo cittadino di Reggio Calabria - nel giro di poco tempo, ce lo insegna la storia, si trova costretto a dichiararlo di nuovo per la mancanza di risorse necessarie a farlo ripartire. E' un cane che si morde la coda. L'inserimento della Tari nella bolletta Enel appare una misura utile a fronteggiare l'evasione che limita fortemente lo svolgimento del servizio. La Tari, infatti, deve coprire integralmente le spese sostenute dai Comuni per fornire il servizio di igiene urbana, dalla raccolta allo smaltimento dei rifiuti, fino al lavaggio e la pulizia delle strade, senza gravare sulla fiscalità generale. Un tempo era lo Stato a riservare le quote utili, adesso tutto ruota intorno all'autofinanziamento attraverso il recupero del tributo. Serve un ripensamento generale e sostanziale delle politiche economiche rivolte agli Enti locali che, nell'agire quotidiano, restano stretti nel giogo della mancanza di liquidità e di una programmazione sempre più complicata e messa a repentaglio dai rigidi piani di austerity".

Banner

Falcomatà si è quindi soffermato sulla valenza che assumono, in questa particolare fase storica, le scuole di formazione politica: "Sono necessarie e fondamentali per creare quella classe dirigente che, un tempo, si plasmava nei partiti e nelle sezioni disseminate nei quartieri e, a livello istituzionale, trovava linfa nelle circoscrizioni e nelle municipalità più piccole. Ai giorni nostri, invece, questi luoghi tendono, purtroppo, ad essere sempre meno efficaci delegando, molto spesso, all'estemporaneità delle piazze virtuali il compito di costruire gli attori dell'attività politica. Oggi è nei consigli comunali che ci si forma, attraverso il lavoro di sindaci, assessori e consiglieri che producono idee e programmi così da creare le classi dirigenti chiamate a governare il Paese. E sindaci ed amministratori locali si devono 'educare', sostanzialmente, consumando le scarpe sulla strada, stando a contatto coi cittadini, verificando quotidianamente le difficoltà dei territori e coltivando, giustamente, l'ambizione e la consapevolezza di dover programmare il futuro delle città". "Rispetto a questa necessità - ha concluso Falcomatà - l'esistenza della Scuola di formazione politica è opportuna proprio per consentire ai sindaci di poter assolvere al meglio al loro ruolo".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner