Faro Punta Stilo, una luce di speranza per il futuro: la Marina militare raccoglie l'appello di Taverniti

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Faro Punta Stilo, una luce di speranza per il futuro: la Marina militare raccoglie l'appello di Taverniti

  03 dicembre 2021 23:21

di GIANPIERO TAVERNITI

Una settimana fa, una visita all’affascinante e misterioso faro Punta Stilo, la dura constatazione del suo stato di degrado ed abbandono, spinge all’uso immancabile dei social, qualche post e foto, sufficienti per attirare l’attenzione di tanta gente monasteracese e non.

Banner

Delusione, sdegno e quasi rassegnazione che andavano assorbite dalla trasparenza di sapere perché questo simbolo storico, militare e affettivo dovesse versare in quello stato? Non serve essere passivi e rassegnati, quello che “Monasterace nel cuore" da diversi anni ha cercato di sconfiggere, trasmettendo l’attivismo civico, cosi è stato anche per il nostro far.

Banner

Subito inviate due pec al Mari.Fari di Taranto e all’URP dello Stato Maggiore della Marina Militare, denunciando e documentando con foto e video lo stato d’abbandono e chiedendo come mai il nostro faro debba versare in questo stato di degrado. Trascorso qualche giorno, vedendo che la gente chiedeva info ed attivava dibattiti, come comitato civico “Monasterace nel cuore" ci hanno spinto ad avviare una petizione popolare sul sito www.change.org (https://www.change.org/.../faro-punta-stilo.../dashboard) contro l’abbandono e il degrado dello stesso.

Banner

Fin da subito ottima partecipazione, in tre giorni superato il primo step delle 100 ed oggi (03.12.21) a 300, con diversi commenti e attiva partecipazione della cittadinanza. Non possiamo che non ringraziare tutti coloro che hanno firmato e condiviso questa causa, al pari dei diversi siti web calabresi e i quotidiani regionali che hanno appoggiato questa causa, riconoscendo l’importanza del simbolo del faro che non può essere abbandonato, visto che lo stesso è una tessera importante del ricco “mosaico Monasterace” pregno di storia antica e di paesaggi marini incredibilmente affascinanti.

Dopo una settimana, è arrivata la risposta ufficiale dell’ente preposto e proprietario, che hanno apprezzato la nostra sensibilità e l’attaccamento verso la nostra “Lanternona del Cuore”. Alle pec e alla email del 25/26 novembre 2021, celere e trasparente la risposta nel giorno 03 dicembre da parte del Comandante Capitano di Fregata Dott. Tommaso Dangelico, del Comando Zona Fari e dei Segnalamenti Marittimi di Taranto.

Ecco il testo integrale:
“Gentile Sig. Taverniti,
la situazione infrastrutturale del compendio Faro di Punta Stilo è ben nota e già da tempo abbiamo avviato azioni mirate alla messa in sicurezza del sito.
E’ stata avanzata richiesta al Ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili per mezzo del Provveditorato Opere Pubbliche di Reggio Calabria, per la straordinaria manutenzione e proprio lo scorso 22 novembre è stato effettuato l’ultimo sopralluogo.
Segnalo inoltre che il compendio in parola è stato inserito nelle strutture da valorizzare in chiave turistico-ricettiva tramite concessioni a privati a cura di Difesa Servizi s.p.a. e che sono in corso valutazioni di eventuali offerte.
In ultimo si riferisce che in seguito all’attuale assegnazione di nuovo personale presso la Reggenza Fari di competenza (Crotone), si stanno pianificando interventi di piccole manutenzioni (pitturazioni e sfalcio erba), uniche attività eseguibili prima del necessario intervento infrastrutturale.
Nel ringraziarLa per l’attenzione e la sensibilità manifestata,
porgo cordiali saluti

Non possiamo che apprezzare quanto pianificato e dichiarato dall’ organo preposto, sul futuro del faro che verrà e sulla certezza che presto possa essere ripulito e rinfrescato di dignità, in attesa delle risorse e della celere burocrazia per poter intervenire seriamente a livello infrastrutturale. Se son rose fioriranno e profumeranno di dignità e cura, il nostro faro Punta Stilo che, dopo aver dato tanta certezza e sicurezza a tantissime imbarcazioni a largo della nostra costa jonica, continuerà a luccicare quel distintivo identitario -affettivo e storico di questo paesello, immerso nel mare, che anche dal prezioso “lanternone” potrà attingere quella luce produttiva di sviluppo socio-economico e turistico.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner