Fatti Aranceto di Catanzaro, l'Agesci Zona Tre Colli: "Non accettiamo violenze e fare mafioso"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Fatti Aranceto di Catanzaro, l'Agesci Zona Tre Colli: "Non accettiamo violenze e fare mafioso"

  19 luglio 2023 12:04

"Ben vengano le iniziative che hanno lo scopo di promuovere, indipendentemente dal luogo centrale o periferico in cui si vive, proprio perché tutti hanno pari dignità, le stesse occasioni di crescita per tutti. Così quando in un territorio ci sono proposte che promuovono cultura, avviano processi di unione tra le varie zone della città, gli unici sentimenti che si possono provare sono piacere e soddisfazione, nel sentirsi un tutt’uno con l’intera comunità. A noi dell’Agesci il termine “comunità” ci è assai caro, ed è una delle basi su cui puntiamo nel nostro impegno quotidiano nell’educazione dei giovani che facciamo prestando particolare attenzione alle periferie".

Sono le parole contenute in una nota a firma di di Agesci Zona Tre Colli.

Banner

"Siamo presenti nella città di Catanzaro con diversi gruppi e siamo attivi nel quartiere di Pistoia con il gruppo Catanzaro 10 da ormai 31 anni, portando avanti progetti educativi quadriennali che hanno fra i vari obiettivi l’accoglienza, la fratellanza, la pace, la giustizia e la legalità….., proprio i valori che sono stati calpestati l’altro giorno nel quartiere Aranceto.

Banner

Una nostra caratteristica è anche quella di fare rete con le altre associazioni presenti nel territorio e con le quali ci accomunano gli scopi sociali e visto quello che è accaduto, sembra proprio che questa collaborazione sia diventata ancora più importante e non rimandabile. Occorre che tutte le realtà che operano nel nostro territorio, ciascuno con il proprio carisma,  aiutino la nostra società ad orientarsi verso il “buono ed il bello” che c’è in ciascuno di noi e per far sentire la propria voce rispetto a temi importanti, se necessario.

Banner

Invece, si è fatta sentire la voce di pochi che pretendono di escludere il proprio territorio da tali processi, con l’obiettivo di lasciarlo nella condizione di emarginazione e che, non avendo scrupoli, ricorrono a intimidazioni per impedire la proiezione del film di Mario Vitale, “L’afide e la formica” che fa parte della rassegna di Schermi-Cinema Multipiazza, nel quartiere Aranceto.

Come Agesci non possiamo accettare questo fare mafioso e rifiutiamo decisamente le forme violente di imposizione del proprio pensiero. Il nostro sostegno va ai componenti dell’associazione “Divina Mania” che hanno ideato e organizzato il percorso di proiezione cinematografica nei vari quartieri di Catanzaro". 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner