Favori e assunzioni fittizie alla piscina di Catanzaro: l'ex assessore Mungo condannato a 9 mesi

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Favori e assunzioni fittizie alla piscina di Catanzaro: l'ex assessore Mungo condannato a 9 mesi
Giampaolo Mungo
  24 maggio 2021 16:00

Condannato a 9 mesi (pena sospesa) l'ex assessore Giampaolo Mungo, rappresentato dagli avvocati Vittorio Ranieri e Leo Pallone.  Antonio Lagonia e Salvatore Veraldi (difesi rispettivamente dagli avvocati Antonio Lomonaco e Antonello Talerico) rinviati a giudizio e il processo inizierà il 28 febbraio 2022 davanti al Tribunale monocratico. E' l'esito del Gup Gaia Sorrentino per il fascicolo che ruota attorno a favori e assunzioni fittizie alla piscina di Catanzaro. 

I legali di Mungo hanno fatto sapere di essere tranquilli per il proseguo del processo e che, una volta lette le motivazioni d'appello, procederanno con il ricorso ai giudici di secondo grado. 

 IL CASO- Il calendario segna il 2014 e il 2016 e Mungo, secondo il pm Graziella Viscomi che in aula aveva chiesto la condanna ad un anno di reclusione , avrebbe sfruttato e vantato relazioni tra Comune di Catanzaro e nell’azienda municipalizzata “Catanzaro Servizi” per farsi promettere ed effettivamente dare diverse utilità da Antonio Lagonia, responsabile dell’associazione sportiva “Catanzaro Nuoto”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner