Festa della donna, gli auguri del presidente Mancuso alle donne calabresi e ucraine

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Festa della donna, gli auguri del presidente Mancuso alle donne calabresi e ucraine
Filippo Mancuso, presidente del Consiglio regionale
  08 marzo 2022 14:21

Il presidente Filippo Mancuso ha rivolto (aprendo i lavori della seduta dell’8 marzo con all’ordine del giorno la legge recante “Misure per il superamento della discriminazione di genere e incentivi per l’occupazione femminile”) gli  auguri “del Consiglio regionale alle donne calabresi e alle donne ucraine che vivono in Calabria e a tutte le donne della Repubblica Ucraina che stanno resistendo all’aggressione unilaterale dell’esercito russo”. Ad avviso di Mancuso: “Se si sommano i dati che certificano lo svantaggio delle donne calabresi -  meno occupate, più esposte ai lavori precari, spesso utilizzate senza adeguata valutazione di titoli di studio e professionalità e meno retribuite degli uomini - alla fragilità del welfare, si ravvisa la persistenza di problematiche a cui dobbiamo prestare attenzione, energie e risorse”.

Ha aggiunto: “L'obiettivo del Pnrr è un aumento del 4 per cento di donne occupate entro il 2026 che potrà ridurre il distacco che vi è tra l’Italia e l’Europa, senza però dimenticare la gravita delle diseguaglianze di genere nel Mezzogiorno, dove lavora una donna su tre: il 33% contro il 50.5% nazionale”.

Banner

Ha sottolineato: “L’auspicio è che leggi come quella che oggi approviamo, rientrino in una efficace strategia nazionale ed europea, per agevolare, a una quota consistente di donne, l’entrata nel mercato del lavoro e aumentare reddito e consumi, partecipando cosi alla ricostruzione dell’economia nazionale e alla crescita del Sud”. Ha concluso il Presidente del Consiglio regionale: “Serve una terapia d’urto, come sostengono alcuni economisti che ipotizzano una tassazione più favorevole (“gender tax”) sul lavoro delle donne, ma serve anche un cambio di mentalità e del modello di sviluppo che, in linea con le previsioni dell’articolo 37 della Costituzione che vieta ogni discriminazione, annulli il divario di genere nell’interesse delle donne e del Paese”.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner