'Figli del Minotauro' al Festival internazionale del Pastoralismo e dei grandi spazi di Grenoble

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Figli del Minotauro' al Festival internazionale del Pastoralismo e dei grandi spazi di Grenoble

La transumanza calabrese attraversa le Alpi  e approda in Francia

  06 luglio 2023 08:03

 Dopi i numerosi successi ottenuti su territorio nazionale tra Festival cinematografici e proiezioni nelle piu’ prestigiose Università Italiane, il film Figli del Minotauro/storie di uomini e animali di Eugenio Attanasio , prodotto dalla Cineteca della Calabria, è stato selezionato in uno dei piu’ grandi festival europei di settore  Festival pastoralisme e Grand Espaces che si svolgerà a Grenoble dal 12 al 15 ottobre, giunto quest’anno alla 18° edizione. Come Annibale nella seconda Guerra Punica  con gli elefanti e Napoleone quando valica il  Colle del Gran San Bernardo con l'armata che lo seguirà nella vittoriosa seconda campagna d'Italia, al contrario sarà un film italiano di produzione calabrese ad attraversare la grande catena montuosa, per raccontare una storia millenaria.

Una grande soddisfazione per chi ha lavorato per anni a questo straordinario progetto. Il film di Eugenio Attanasio, tradotto in Francese, Inglese e Spagnolo proprio per la distribuzione,  è una mitopoiesi del contemporaneo sulla figura degli allevatori  che praticano la transumanza, antica forma di trasferimento di animali e uomini dal mare alla montagna. Ma la transumanza è anche una metafora del cammino dell’uomo e del bovino, iniziato diecimila anni fa con la domesticazione. Ancora prima però il toro veniva rappresentato dai primi artisti della storia sulle pareti delle grotte con significati ancora a noi sconosciuti.

Banner

Il documentario segue una famiglia di allevatori, nelle stagioni, che pratica l’allevamento semibrado delle podoliche, la razza tipica calabrese, ricostruendo di ipotesi di caccia primordiale e raffigurazioni parietali; in Calabria è sito uno dei piu’antichi e misteriosi graffiti del mondo, il Bos Primigenius di Papasidero, che, per la prima volta viene rappresentato cinematograficamente. Assieme alle Grotte di Altamira in Spagna e alle grotte di Lescaux in Francia, grazie a questo film la Grotta del Romito sita nella Valle del fiume Argentino, entra nelle sale  di tutto il mondo. Un lavoro simile era stato fatto da Werner Herzog con le Grotte di Chauvet in Cave of Forgotten dreams nel 2010, dedicato ad una piu’ recente scoperta paleontologica . La civiltà pastorale calabrese ha una tradizione  antichissima, cantata da Virgilio nelle Georgiche. Il Pastoralismo non è solo un sistema di produzione animale ma un modo di vivere e un sistema culturale. Ci sono popoli pastorali del tutto distinti che praticano il nomadismo. Sulle Alpi si praticano  altri sistemi di trasferimento degli animali definiti appunto  alpeggio, e pascolo vagante . Il pubblico francese avrà la possibilità di conoscere la pratica della transumanza mediterranea della Famiglia Mancuso di Marcedusa che si sposta con gli armenti dalle piane del Marchesato ai ricchi pascoli silani del Monte Gariglione.

Banner

I riconoscimenti dell’opera dimostrano come la narrazione della  Calabria può finalmente emendarsi dall’immagine di terra di ‘ndrangheta, dal peccato originale di essere regione povera e terra di emigrazione, dagli stereotipi più comuni.

Banner

E’ dunque possibile una nuova via del racconto in Calabria, letterario e cinematografico, cogliendo nel contemporaneo i segni di una civiltà contadina ancora assai vitale. Ultimi eredi di un mondo ancestrale, gli allevatori calabresi di podoliche, si muovono ancora andando dietro agli animali che si spostano in cerca di pascoli freschi, utilizzando ora il cavallo, ora il pick up, ora il quad, interpretando una modernità ancora sostenibile, dove uomini, animali, e specie vegetali creano un ecosistema. Se in Calabria oggi è tempo di transumanza ma  ancora non si coglie appieno  la differenza tra allevamento intensivo e allevamento estensivo, in Francia invece dimostrano di essere assai piu’ consapevoli, tributando il giusto riconoscimento a questa antica tradizione.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner