Fiorita al rettore De Sarro: "Disdettare l'accordo con Unical per tutelare la Facoltà di Medicina di Catanzaro"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Fiorita al rettore De Sarro: "Disdettare l'accordo con Unical per tutelare la Facoltà di Medicina di Catanzaro"

La posizione del sindaco Fiorita sul corso interateneo all'interno delle linee programmatiche

  02 settembre 2022 17:16

"L’accordo UMG-UNICAL deve essere immediatamente disdettato unilateralmente dal Rettore De Sarro per le gravi inadempienze contrattuali dell’UNICAL e riscritto su nuove basi che tutelino rigorosamente le prerogative e il ruolo della Facoltà di Medicina di Catanzaro". È quanto si legge all'interno delle linee programmatiche che il sindaco di Catanzaro, Nicola Fiorita, presenterà in Consiglio comunale lunedì 5 settembre.

"Non accetterò atteggiamenti dilatori - si legge ancora nel documento di Fiorita-, men che meno richiami all’autonomia dell’Università. L’UMG è un patrimonio della Città, non un patrimonio di pochi. La questione va risolta qui e subito, altrimenti sarà davvero troppo tardi". Indubbiamente il dossier della difesa dell'unicità della facoltà di Medicina a Catanzaro era una delle questioni più attese a Palazzo De Nobili dopo le rinnovate polemiche sull’attivazione del corso di laurea intarateneo in Medicina e Tecnologie Digitali.

Banner

"A preoccuparmi - prosegue Fiorita- non è solo la recente questione del reclutamento di ricercatori da parte dell’Unical – fatto sicuramente grave perché infrange gli accordi – ma la natura stessa del progetto interateneo.Il corso di laurea in Medicina e Tecnologie Digitali all’Università di Arcavacata formerà i medici del domani, quelli in grado di utilizzare le più sofisticate tecnologie offerte dalla robotica, dalla bionica e dalla telemedicina. 

Banner

"Ma non basta. Quando l’area di Cosenza avrà costruito il suo nuovo ospedale/policlinico, non ci saranno più ostacoli all’istituzione della seconda facoltà di medicina in Calabria. L’esultanza dei sindaci di Cosenza e Rende non lascia spazio a fraintendimenti. Anche la seconda facoltà di farmacia a Cosenza è nata così, passo dopo passo, senza essere contrastata da nessuno.Tra 10 anni, risulterà meno attrattivo iscriversi alla facoltà “tradizionale” di Germaneto, poiché la medicina avrà compiuto straordinari e inimmaginabili passi in avanti grazie alla robotica. E nel frattempo, la politica che conta, quella cosentina, sarà riuscita a realizzare il nuovo Policlinico nell’area urbana Cosenza-Rende. A quel punto, la seconda facoltà di medicina sarà cosa fatta", conclude il sindaco Fiorita. (g.r.)

Banner

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner