Fiorita attacca Abramo: "Catanzaro tra i comuni responsabili della condanna subita dall'Italia su depurazione e ciclo fognario"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Fiorita attacca Abramo: "Catanzaro tra i comuni responsabili della condanna subita dall'Italia su depurazione e ciclo fognario"
Nicola Fiorita
  12 ottobre 2021 20:36

di NICOLA FIORITA
 
"Uno dei più grandi disastri che lascia in eredità l'amministrazione Abramo (e una delle più grandi bugie raccontata per anni dal Sindaco) è la mancata costruzione del nuovo depuratore.
La verità l'abbiamo scritta, l'abbiamo raccontata in incontri pubblici, l'abbiamo argomentata in atti formali, l'abbiamo urlata in consiglio comunale.
 
Ora, quello che abbiamo sostenuto per lungo tempo viene certificato dalla Corte di Giustizia dell'Unione europea: Catanzaro è tra i Comuni responsabili della condanna che l’Italia ha subito per i danni derivanti dalla cattiva depurazione e dal mancato ammodernamento del ciclo fognario.
Il pronunciamento della Corte, che arriva alla fine delle procedure di infrazione a cui per anni non si è data risposta con atti pratici (nel nostro caso: la costruzione del nuovo depuratore, per il quale i fondi regionali erano disponibili!), lo dice chiaramente:
1. Catanzaro non dispone di reti fognarie che consentono di raccogliere e convogliare le acque reflue ai fini del loro trattamento;
2. Catanzaro ha omesso di garantire che le acque reflue che confluiscono in reti fognarie siano sottoposte ad un trattamento secondario;
3. dal fascicolo sottoposto alla Corte risulta che Catanzaro non soddisfa totalmente i requisiti fissati dall’articolo 3 della direttiva 91/271:
4. Catanzaro è venuta meno agli obblighi stabiliti dall’art. 10 della direttiva 91/271 “omettendo di provvedere affinché la progettazione, la costruzione, la gestione e la manutenzione degli impianti di trattamento delle acque reflue urbane siano condotte in modo da garantire prestazioni sufficienti nelle normali condizioni climatiche locali e che la progettazione degli impianti tenga conto delle variazioni stagionali di carico”.
Basterebbe questa sola vicenda per comprovare la colpevole incapacità delle amministrazioni targate Sergio Abramo, votate, da sempre, a operare in emergenza anziché pianificare interventi capaci di risolvere i problemi.
Ora è il tempo di voltare pagina"
 
*leader di Cambiavento

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner