Fiorita presenta il programma: "Eravamo la speranza, adesso siamo la certezza che la storia a Catanzaro può cambiare"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Fiorita presenta il programma: "Eravamo la speranza, adesso siamo la certezza che la storia a Catanzaro può cambiare"

Il programma del candidato a sindaco del centrosinistra a Catanzaro. Nel corso della presentazione Fiorita ha indicato le priorità

  26 maggio 2022 15:44

"Quello che presentiamo oggi sono il progetto, le idee, le forme, i modi, gli strumenti con cui noi vogliamo cambiare questa città. Cinque anni fa noi abbiamo agitato una speranza fra le strade di Catanzaro, una speranza che ha entusiasmato queste persone, che ha portato il nostro movimento civico a un risultato che nessuno si sarebbe aspettato. Adesso invece andiamo in giro per la città a dare una certezza alle persone. Noi non siamo più la speranza, ma la certezza che anche a Catanzaro la storia può cambiare e sta cambiando. Questo programma è l'esito finale di un percorso che dura da cinque anni". Lo ha detto il candidato a sindaco di Catanzaro Nicola Fiorita nel corso della conferenza stampa di oggi, al Comune, di presentazione del programma elettorale in cui è stata illustrata principalmente la sua formazione e consolidamento. Un programma di coalizione, arricchito da strumenti come Urban Lab, che ha l'ambizione di rilanciare la città anche a livello istituzionale con la legge Catanzaro Capitale. 

CONSULTA QUI IL PROGRAMMA DI NICOLA FIORITA

Banner

LE PRIME COSE DA FARE- Fiorita ha stilato una lista di priorità in caso di vittoria nella competizione elettorale: "La prima cosa che faccio è venire qua e incontrare i dipendenti comunali. Non si fa il cambiamento se non ci crede la macchina burocratica. La seconda cosa è incontrare i volontari della Protezione civile. Poi si inizia a lavorare dall’esame della documentazione delle cose che sono aperte. Le cose che in questi anni sono rimaste incredibilmente appese: Psc, porto, piano mobilità e depuratore. Le persone che vivono accanto al depuratore non possono vivere. Subito questi dossier". Dopodiché ha aggiunto: "il resto lo fanno le scadenze, dovremo correre. Il 28 giugno ci sarà una stagione estiva a Lido senza programmazione, senza decoro, senza alcuna misura per garantire  la sicurezza". E ancora l'incontro con gli operatori commerciali, del centro storico in particolare, e ritornare a scuola in maniera dignitosa. 

Banner

LA STILETTATA SULLA CONFERENZA DEI CITTADINI- Uno stoccata anche a Valerio Donato che da tempo propone la conferenza dei cittadini. Fiorita ha detto: "mi sembra che là si voglia costruire una cosa complessa per non risolvere i problemi dei cittadini. C'è un Consiglio comunale che ha dei poteri e conta il Consiglio comunale: perché poi su come si nominano gli scrutatori non decide la Conferenza dei cittadini. La partecipazione per noi è un valore, la si può coltivare in futuro per esempio con i comitati di quartiere. Sapendo però che è una consultazione".  Sulle coperture ai progetti messi in campo: "c'è una congiuntura particolarmente favorevole. Ci saranno a disposizione delle risorse che non si vedranno mai più. Il fatto che ci siano tanti soldi del PNRR non significa che arriveranno a Catanzaro", per questo Fiorita ha prospettato la costituzione di una task force non solo in grado di intercettare i fondi ma anche di incastonarli in una visione. "Finisce comunque la stagione del taglio del nastro: le cose le facciamo se servono e se servono nel tempo".  

Banner

Perno nella elaborazione del programma è stato Pasquale Squillace che ha detto: "Noi abbiamo rispettato quanto succede nelle altre città civili d’Europa".

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner