Flavio Insinna mette in moto "La macchina della felicità" al Teatro Comunale di Catanzaro

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Flavio Insinna mette in moto "La macchina della felicità" al Teatro Comunale di Catanzaro
Flavio Insinna tra il pubblico durante "La macchina della felicità"
  26 ottobre 2019 10:21

di CLAUDIA FISCILETTI

Due ore di ricreazione. Si, ricreazione. Quella che da bambini ci salvava non solo dalle interrogazioni a scuola, ma anche dalla noia o da una lezione spiegata male. Un suono di felicità che è la linea guida dello spettacolo “La macchina della felicità” di Flavio Insinna, che ieri sera ha dato il via alla stagione catanzarese di AMA Calabria, al Teatro Comunale.

Banner

«Chi di voi è felice? Chi è felice alzi la mano», Insinna inizia ponendo al pubblico questa domanda, dando vita ad una “ricreazione” fatta di ironia e, soprattutto, autoironia. Ed è proprio con il pubblico che l’attore e conduttore televisivo interagisce, non solo seguendo la scaletta ma anche improvvisando, regalando la sensazione di star parlando e scherzando con un amico di vecchia data, «Una felicità casereccia, una ‘nduja di felicità fatta tra di noi». Insinna, infatti, sta raramente sul palco. Preferisce camminare tra i presenti, guardarli negli occhi, con quel suo animo gioviale in grado di infondere gioia.

Banner

Banner

Più volte fa riferimento alla sua “sicilianità”, ereditata dal padre, e quindi comprende bene anche i calabresi e la Calabria, «voi avete il mare più bello del mondo, e io di mare me ne intendo». Il nome di Gigi Proietti torna spesso nei suoi sketch essendo Insinna diplomato al "Laboratorio di esercitazioni sceniche" diretto di Proietti a Roma. Durante lo spettacolo è accompagnato dalla Piccola Orchestra, composta da Martina Cori (voce), Vincenzo Presta (sax), Angelo Nigro (piano e keyboards), Filippo d’Allio (chitarre), Giuseppe Venezia (basso e contrabasso), Saverio Petruzzellis (batteria e percussioni).

Musica e comicità, “La macchina della felicità” è intrecciata all’omonimo romanzo scritto da Flavio Insinna, ed è uno spettacolo che tenta di regalare la ricetta per essere felici che viene svelata nella sua completezza alla fine, quando suona la campanella di fine ricreazione.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner