Focolaio al carcere di Catanzaro. Il racconto di come è scattato l'allarme

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Focolaio al carcere di Catanzaro. Il racconto di come è scattato l'allarme
Carcere di Siano, Catanzaro
  17 marzo 2021 23:11

L'allarme è scattato quando un detenuto è stato portato in ospedale per un ricovero programmato. Prima dell'accettazione nella struttura ospedaliera, come da prassi, è stato effettuato il test rapido. Appena è arrivato l'esito positivo del tampone, i brutti pensieri al carcere di Catanzaro, nel quartiere di Siano, sono venuti a galla. Al momento, i positivi sono sette: tre detenuti e quattro agenti (LEGGI QUI).

La preoccupazione principale è che i detenuti risultati positivi, nel gergo degli istituti penitenziari, sono 'lavoranti'. Cioè, sono quei carcerati 'autorizzati' a svolgere determinate attività (compilazione di moduli) per altri detenuti. Dunque, hanno 'girato' all'interno dell'istituto 'Ugo Caridi'. Non erano quindi blindati in cella. Ad ogni modo, appena appresa della positività sono scattati tutti i protocolli necessari: isolamento dei positivi, padiglioni blindati e sospensione degli ingressi esterni al carcere catanzarese. 

Banner

Nella giornata di oggi molti agenti sono stati sottoposti al tampone presso il drive through del quartiere Sala, gestito dall'esercito. Sono tamponi molecolari. Gli agenti dovranno attendere fra le 24 e le 48 ore per conoscere l'esito. O, meglio, saranno avvisati soltanto in caso di positività. Dopo che si è appreso del caso, alcuni agenti hanno ricordato come alcuni colleghi abbiano manifestato sintomi febbrili negli scorsi giorni. L'apprensione quindi non è di poco conto. Il totale dei detenuti nella struttura è di poco meno di 600, a fronte di circa 350 agenti. Le prossime ore saranno decisive per capire l'entità del focolaio. Sembra quasi una beffa. Proprio qualche giorno addietro - e per giunta in ritardo- era iniziata la somministrazione del vaccino. (g.r.)

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner