Fondi asilo nido. Caracciolo (Italia Viva Catanzaro) al sindaco Abramo: “Investire sulla messa in sicurezza”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Fondi asilo nido. Caracciolo (Italia Viva Catanzaro) al sindaco Abramo: “Investire sulla messa in sicurezza”

  25 marzo 2021 08:00


“È stato pubblicato l’avviso che consente ai comuni di accedere ai primi 700 milioni di euro del Fondo asili nido e scuole dell’infanzia per il finanziamento degli interventi relativi a opere pubbliche di messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione o costruzione di edifici di proprietà dei comuni destinati a nidi, scuole dell’infanzia e centri polifunzionali per i servizi alle famiglie”. E’ quanto dichiara in una nota Vitaliano Caracciolo di Italia Viva Catanzaro. 
 
“Si tratta della prima tranche dell’investimento di primi 2 miliardi e mezzo che con Italia Viva la Ministra Bonetti ha voluto inserire nella Legge di bilancio 2020. Credo che anche nel nostro territorio è necessario investire sulla messa in sicurezza delle opere pubbliche per garantire ai cittadini dei servizi efficienti ed è per questo che chiedo al sindaco Abramo, alla giunta e al consiglio comunale di valutare la proposta di accesso a questi fondi per ristrutturare gli edifici di proprietà del comune destinati a nidi, scuole dell’infanzia e centri polifunzionali per i servizi delle famiglie. È una misura che fa parte della programmazione del #FamilyAct, le risorse sono state ripartite con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 30 dicembre 2020, di concerto con i Ministri dell'interno, dell'economia e delle finanze e dell'istruzione.
Sarà data priorità ai progetti che riguarderanno aree svantaggiate e periferie urbane, prevedendo interventi in territori dove oggi ci sono minori opportunità per le bambine e i bambini e per le loro famiglie”, spiega Caracciolo

“A questi interventi è destinato il 60 per cento delle risorse totali.
In particolare, il primo finanziamento di € 700 milioni per il quinquennio dal 2021 al 2025, rispetto ai € 2,5 miliardi previsti fino al 2034, prevede:
 € 280 milioni per i nidi, di cui € 168 milioni alle aree svantaggiate; € 175 milioni per le scuole dell’infanzia, di cui € 105 milioni alle aree svantaggiate; € 105 milioni per i centri polifunzionali per i servizi alle famiglie, di cui € 63 milioni alle aree svantaggiate; € 140 milioni per la riconversione di spazi delle scuole dell’infanzia attualmente inutilizzati e per progetti innovativi”, continua il renziano. 
 
“I comuni possono presentare progetti dalle ore 10:00 del 24 marzo 2021 ed entro e non oltre le ore 15:00 del 21 maggio 2021, utilizzando esclusivamente la piattaforma del Ministero dell’istruzione “Edilizia scolastica”. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner