Forum Terzo Settore e Csv: "Si rimpiazzi l’assistente Sociale per il trasporto dei malati dializzati e nefropatici del Pugliese"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Forum Terzo Settore e Csv: "Si rimpiazzi l’assistente Sociale per il trasporto dei malati dializzati e nefropatici del Pugliese"
Giuseppe Apostoliti e Guglielmo Merazzi
  29 luglio 2021 17:02

"Le difficoltà con le quali fanno i conti le ditte e le associazioni che si occupano del trasporto dei pazienti nefropatici e dializzati presso l’Ospedale Pugliese-Ciacciò di Catanzaro, sono insopportabili. Da un paio di mesi, a causa del pensionamento dell’Assistente Sociale addetta al servizio, le associazioni e le ditte non possono rendicontare le spese sostenute e, di conseguenza, non possono ricevere i rimborsi perché non vi è stato il rimpiazzo dell’Assistente Sociale". Così in una nota congiunta di Giuseppe Apostoliti (Portavoce Forum Terzo Settore Catanzaro/Soverato) e Guglielmo Merazzi (Presidente CSV Calabria Centro).

"Nonostante ciò, - prosegue la nota - con grande senso di responsabilità e nonostante le evidenti difficoltà oggettive, il servizio salva-vita in favore dei pazienti non si interrompe. Risulta del tutto evidente che un intervento si renda necessario per dare il riconoscimento dei costi alle associazioni e alle ditte (quasi una dozzina) che garantiscono un servizio fondamentale ma che subiscono gli effetti di ritardi e leggerezza pagando sulla loro pelle l’insufficienza amministrativa delle autorità sanitarie pubbliche.

Banner

"Il volontariato è chiamato quotidianamente alle proprie responsabilità per questioni valoriali imprescindibili, spesso viene chiamato in situazioni di emergenza, quando, invece, deve garantire servizi, spesso paga di tasca i ritardi delle amministrazioni pubbliche. Tutto ciò non è tollerabile. Per questo- concludono -  invitiamo le autorità sanitarie a provvedere con immediatezza a procedere con un semplice atto amministrativo che possa risolvere un problema alle associazioni e ai malati che beneficiano di un servizio salva-vita evidentemente troppo importante per essere interrotto. La Responsabilità deve essere diffusa. I diritti non possono subire umiliazioni".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner