Giornata Internazionale della Donna, la riflessione storica e sociale di Donato Veraldi

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Giornata Internazionale della Donna, la riflessione storica e sociale di Donato Veraldi
Donato Veraldi
  09 marzo 2024 12:43

Ieri si è celebrata la rituale Festa delle Donne. Da tutti i “luoghi” delle Istituzioni è arrivato il coro unanime delle buone intenzioni perché la “donna” sia ogni giorno “celebrata” soprattutto per i valori che il suo genere contiene ed esprime ogni giorno. Ovunque essa è presente. Nella famiglia anzitutto.

La donna italiana è sempre stata presente e protagonista nella storia del nostro paese. E lo ha ribadito con la  semplicità del suo stile,  il senatore e parlamentare europeo Donato Veraldi. Un ricordo e una  riflessione che non devono  passare inosservate. Scrive Veraldi:

Banner

“Dal 1946 la Festa della Donna ha il profumo e il colore della mimosa.  A sceglierlo, come simbolo di questa giornata,  furono tre donne antifasciste,tre madri costituenti della Repubblica Rita Mantagnana ,Teresa Noce, Teresa Mattei, tre ex partigiane. Gino Cecchettin ha proposto : Giulia figlia di tutti.  Mattarella la Giornata internazionale della Donna.     Il tema della parità tra uomini e donne e' ancora molto lontano, , ma la sinistra  oggi ha mostrato   che la mimosa  non appassirà  ,  ne ' perderà il suo profumo, che il consumismo non vincerà ,e che vogliamo dare prima di chiedere : la civiltà  delle donne. Donne e lavoro, si può cambiare .E' la storia che scrive  il futuro  e quando  il futuro prevede la piena realizzazione  di tutti  i diritti possiamo  già scrivere l'ultimo capitolo,  sarà il più bello.”

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner