Giornata mondiale della consapevolezza sull'Autismo: anche l’IIS Ferrari di Chiaravalle ha aderito all’iniziativa

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Giornata mondiale della consapevolezza sull'Autismo: anche l’IIS Ferrari di Chiaravalle ha aderito all’iniziativa

  07 aprile 2022 19:05

In occasione della Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo l’Istituto Enzo Ferrari di Chiaravalle ha organizzato una serie di iniziative volte a sensibilizzare studenti e insegnanti di ciascun plesso. L’autismo è un disturbo dello sviluppo cerebrale che compromette l’interazione sociale ed è caratterizzato da deficit della comunicazione verbale e non verbale, comportamenti ripetitivi e interessi ristretti. La giornata è stata istituita dall’ONU nel 2007 con lo scopo di fare conoscere il disturbo e mettere in luce i diritti delle persone con spettro autistico. “Conoscere vuol dire comprendere”: è indispensabile saperne di più per poter capire e migliorare la qualità dell’inclusione sociale.

L’IIS Ferrari ha aderito all’iniziativa mondiale attraverso la visione di due video sulla tematica e la lettura di un estratto della relazione del professore di Psicologia Evolutiva Angel Rivière dal titolo “Cosa ci chiederebbe un autistico”. Tutti i partecipanti hanno inoltre appuntato sul petto un fiocco blu, simbolo della giornata.

Banner

I ragazzi, dopo aver visionato attentamente i filmati, hanno elaborato alcune importanti riflessioni e le hanno condivise con docenti e compagni attraverso un padlet realizzato appositamente per la giornata. “Speciali sono i bambini autistici così come gli uccelli sono diversi nei loro voli. Tutti, però, hanno il diritto di volare. L’autismo non si cura, si comprende” scrivono alcune allieve della IV AP. La similitudine è perfettamente adeguata: siamo tutti diversi l’uno dall’altro e ciò è una grande ricchezza per l’intera società. Ciascuno ha il diritto di volare nel modo che gli è più congeniale e in base ai propri tempi, senza sentirsi inadeguato solo perché affronta la vita in maniera differente rispetto alla maggior parte delle persone.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner