Giornata nazionale del braille. L'Ic Casalinuovo di Catanzaro conquista il primo premio al concorso “Sfioro con le dita e ogni cosa prende vita”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Giornata nazionale del braille. L'Ic Casalinuovo di Catanzaro conquista il primo premio al concorso “Sfioro con le dita e ogni cosa prende vita”

  28 febbraio 2021 00:17

Premiate le scuole vincitrici del concorso “Sfioro con le dita e ogni cosa prende vita”,  indetto in occasione della XIV Giornata Nazionale del Braille.

L’iniziativa è stata promossa dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Catanzaro, dall’Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione di Catanzaro,  dall’ Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità Comitato di Catanzaro, dall’Unione Nazionale Italiana Volontari Pro-Ciechi e  dall’USR Calabria.

Banner

Banner

Dopo giorni di intensissimo e scrupoloso  lavoro da parte dei giurati, impegnati a  selezionare i migliori tra le numerose opere presentate, durante la quattordicesima puntata dello spazio sociale, culturale e di intrattenimento a cura dalla sezione UICI di Catanzaro, sono stati decretati i vincitori .

Banner

L’evento, trasmesso dalla sede sita in via  Vincenzo Gattoleo (Piterà), in diretta Facebook e tramite collegamento alla piattaforma  Zoom, ha attirato un pubblico molto numeroso composto da insegnanti, esperti e associazioni.

Grande è stata l’emozione della referente BES, Silvana Voci, delegata dalla Dirigente Scolastica prof.ssa Maria Riccio, a rappresentare l’IC Casalinuovo,  nel momento in cui è stato assegnato il primo premio ed è stato richiesto un suo intervento.

Le due opere vincitrici sono:

-Libro tattile, realizzato dai docenti e dagli alunni delle classi I  A e I C (gruppo A e B) della scuola primaria;

-Plastico sul tema della  Shoah realizzato dai docenti e dagli alunni  delle classi  I A, I C, I B, II E, II B, III B , III E della Scuola Secondaria di primo grado.

 

 

 

 

 

 

L’esperienza è stata positiva per gli alunni e i docenti  coinvolti: gli spazi fisici adibiti  a laboratori si sono trasformati in officine delle idee dove sentirsi valorizzati e stimolati.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner