Giorno della memoria. A Sersale l'Ic "G. Bianco" ricorda la Shoah con momenti di riflessione critica

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Giorno della memoria. A Sersale l'Ic "G. Bianco" ricorda la Shoah con momenti di riflessione critica
Giornata della memoria (Foto di archivio)
  27 gennaio 2021 10:52

Oggi, Giornata della Memoria, il ricordo non passa inosservato all'istituto comprensivo "Giuseppe Bianco" di Sersale. Si legge sull’organizzato sito della comunità educante rappresentata dalla professoressa Maria Brutto: 

La Legge n. 211 del 20 luglio 2000 riconosce il 27 gennaio quale data celebrativa dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz. Data denominata “Giorno della Memoria” per ricordare la Shoah e con essa le gravi leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati” .

Banner

I docenti hanno organizzato  nelle proprie classi momenti di riflessione critica partendo dalla ricorrenza specifica della Shoah e facendo riferimento anche alle altre innumerevoli discriminazioni e persecuzioni della nostra società attuale. Non solo: anche un minuto di silenzio per tutte le classi della primaria e secondaria.  Spazio dopo per la musica con interpretazione della colonna sonora del film “La vita è bella” di Roberto  Benigni.

Banner

Domani, 28 gennaio, alle 9.30, tutti gli alunni e i docenti della secondaria parteciperanno a un incontro on line, per ricostruire la memoria della deportazione dei calabresi, tenuto dallo storico, professore Rocco Lentini, presidente dell’Istituto "Ugo Arcuri” di Cittanova (RC), a cui si potrà accedere tramite  una Classroom dedicata. In questa stessa occasione, sarà presentato il libro del Prof. Rocco Lentini .

Banner

Ricordare come  dovere morale prima ancora che istituzionale, affinché gli errori del passato siano un monito per il presente ed il futuro.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner