Girifalco. Crescono i casi positivi al covid: 'Nuova Era' critica la gestione dell’emergenza

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Girifalco. Crescono i casi positivi al covid: 'Nuova Era' critica la gestione dell’emergenza
Scicchitano e Ferraina

Ad oggi si registrano 37 positivi al test molecolare, 50 quarantene obbligatorie previste dall’ASP ed 1 positivo al test antigenico rapido.

  10 maggio 2021 17:59

di MASSIMO PINNA

Carolina Scicchitano ed Elisabetta Ferraina, consiglierI comunali del Gruppo Consiliare di minoranza “Girifalco una Nuova Era”, intervengono per criticare la gestione dell’emergenza Covid a Girifalco, da parte della giunta del sindaco Pietrantonio Cristofaro, in particolare nell’ultimo periodo.

Banner

Vista anche la precedente richiesta del gruppo “Girifalco Una Nuova Era”. Ovvero,  un’interrogazione avente ad oggetto l’ emergenza epidemiologica da Covid-19 e con la quale si chiedeva di sapere le spese sostenute per gli interventi mirati al contrasto dell’epidemia da Covid-19; Considerato il numero di contagi che ad oggi si registrano nel Comune di Girifalco, il più alto dall’inizio della pandemia. Il tutto senza dimenticare che da oggi 10 maggio la regione Calabria rientra nella zona gialla consentendo a molte attività commerciali di riaprire faticosamente, sarebbe auspicabile migliorare il monitoraggio dei contagi al fine di scongiurare la chiusura o un’eventuale zona rossa dovuta all’aumento del numero di positivi al Covid-19.

Banner

Scicchitano e Ferraina, vista la circolare n. 122/2021 emanata dall’Istituto scolastico “A. Scopelliti” di Girifalco dove, nel divulgare raccomandazioni per il contenimento dell’epidemia Covid 19, si evidenziano difficoltà e crepe nel tracciamento dei contatti e viste le richieste di informazioni formulate e pubblicate sui social da parte di diversi cittadini chiedono di sapere com’è possibile fare silenzio in un momento delicato come quello che sta vivendo la nostra comunità, un momento nel quale molte persone quelle sfortunatamente positive al COVID e quelle indirettamente coinvolte sono state lasciate da sole, senza nessuna indicazione, informazione e senza nessun supporto utile”.

Banner

Ed anche come sia stato possibile che “a seguito di un aumento rilevante registrato dall’Ente non è stata attivata la tenda triage al fine di effettuare quotidianamente tamponi evitando così ai nostri cittadini di affidarsi esclusivamente al loro buon senso barricandosi in casa o dirigendosi altrove alla ricerca di una risposta”. Insomma il perché “considerata la positività di alcuni bambini (davvero piccoli) e l’alta più che normale preoccupazione di molti genitori, il Comune di Girifalco così come hanno fatto altri Enti non si è mobilitato al fine di effettuare uno screening molecolare costringendo così molti genitori smarriti a trovare soluzioni alternative e costose portando i loro figli fuori paese non potendo (giustamente) attendere i tempi dell’Asp né tantomeno i tempi silenziosi dell’Amministrazione comunale”.

Nuova Era critica il fatto che “in questo periodo di maggiore diffusione del contagio, l’azione amministrativa si è limitata alla sola proroga della sospensione delle attività scolastiche in presenza”. Infine, non certo per ultimo “come si può pretendere di dare il buono esempio sull’osservanza delle norme che riguardano il contenimento del virus quando gli Amministratori comunali in primis non mostrano alcuna preoccupazione, attenzione, cura nell’informazione e proseguono nella loro “attività” amministrativa come se i contagi non fossero (anche) – concludono - una loro responsabilità”.

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner