Girifalco. Ferraina: "La cittadinanza onoraria a Mario Nicotera, un riconoscimento alla storia psichiatrica della città"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Girifalco. Ferraina: "La cittadinanza onoraria a Mario Nicotera, un riconoscimento alla storia psichiatrica della città"
Elisabetta Ferraina
  07 agosto 2021 09:51

di ELISABETTA FERRAINA*

Quando nel 2017 ho proposto all'allora Consiglio Comunale un Regolamento per la concessione della cittadinanza onoraria e benemerita ho pensato al principio della corrispondenza biunivoca. 
Una relazione di equivalenza. 

Banner

Una corrispondenza tra ciò che una comunità riceve in termini di lustro, cultura, apporto scientifico, economico, supporto sociale e/o umano ed il riconoscimento di tale valore aggiunto che merita un grazie, un gesto di affetto collettivo. 
Per me è stato un onore richiedere nella passata legislatura, ovviamente con motivazione differenti, la cittadinanza per Domenico Dara, Amalia Bruni e Pepè Rosanò. Perchè per ognuno di loro, con percorsi diversi, Girifalco rappresenta un luogo importante della loro storia. 

Banner

Girifalco è il massimo comun divisore. 

Banner

Quel qualcosa ‘in comune’ che lega una comunità a chi riceve una cittadinanza e viceversa. 
Non conosco personalmente il Prof. Mario Nicotera. Ma basta aver avuto un familiare o un amico che ha lavorato 
nel Complesso Monumentale di Girifalco  per averne sentito parlare. 

E leggendo qualche articolo, una frase  in particolare  del Dott. Nicotera, riferendosi ai pazienti della struttura, sembra racchiudere il senso della sua impronta nel nostro comune : “Noi combattiamo una battaglia contro la patologia. Vogliamo emanciparli dalla schiavitù della malattia." Ed è evidente che  il concetto chiave che ha accompagnato l’attività del professore a Girifalco  è il "recupero" non solo strutturale e funzionale, ma soprattutto sociale e di intregazione tra il mondo dentro la struttura e quello fuori così come fondamentale è stato ed è  il contributo degli operatori che lavorano a stretto  contatto con i pazienti. 

Non si può scindere Girifalco dalla storia del suo manicomio e di tutto ciò che ha rappresentato e ancora oggi rappresenta dall’ aspetto medico/ psichiatrico al lato umano che ha reso Girifalco  esempio di integrazione. Le vicende del complesso monumentale sono la nostra storia ed il Dott. Nicotera è un tassello importante di questa nostra storia. 

                               *Consigliere comunale del gruppo Nuova Era Girifalco, già presidente del Consiglio Comunale di Girifalco

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner