Gli alunni di Squillace Lido e Vallefiorita celebrano "Un albero per il futuro"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Gli alunni di Squillace Lido e Vallefiorita celebrano "Un albero per il futuro"

  25 ottobre 2022 14:02

Una giornata di studio diversa per gli alunni della scuola primaria di Squillace Lido e della scuola secondaria di primo grado di Vallefiorita, che, questa mattina, in collaborazione con i carabinieri Tutela della Biodiveristà di Catanzaro, hanno partecipato al progetto  "Un albero per il futuro".

Banner

Obiettivo della giornata è quello di avvicinare i bambini alla natura, capire l'importanza di preservare il luogo in cui viviamo, prendersene cura, rispettarlo e modificare il proprio stile di vita. I carabinieri Forestali fanno la loro parte tutelando il patrimonio inestimabile delle riserve naturali statali e foreste demaniali. Una dorsale verde che, attraverso questo progetto, abbraccia idealmente tutto il territorio italiano e rappresenta un esempio di gestione unitaria di un capitale europeo di biodiversità unico per la sua varietà di habitat. Il risultato del progetto, che ha una durata triennale, sarà un enorme bosco diffuso a cui, pianta dopo pianta, ciascuna scuola darà vita e che potrà essere monitorato grazie ad una applicazione per smartphone

Banner

Così questa mattina le forze dell'ordine accolti dai bambini, dalla maestre e dal personale scolastico, hanno piantato nel plesso di Squillace Lido piante di leccio, sughero e roverella, mentre a Vallefiorita sono state inserite  8 ginestre odorose e 2 cornioli. Un momento di festa e di aggregazione per tutti gli alunni che hanno ascoltato con interesse le spiegazioni dei carabinieri e hanno accettato la sfida di conoscere e tutelare il territorio e lasciare un segno nel mondo: la nascita del bosco diffuso ha un valore che va ben oltre la messa a dimora delle piante avendo anche una valenza simbolica. I ragazzi, prendendosi attivamente cura negli anni del bosco, si sentiranno utili a livello ambientale grazie all’assorbimento dell’anidride carbonica atmosferica operata dal loro albero.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner