Granato (Ace) a Mattarella: "E' di parte sulle leggi incostituzionali del green pass"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Granato (Ace) a Mattarella: "E' di parte sulle leggi incostituzionali del green pass"
Bianca Laura Granato
  09 settembre 2021 11:54

“Tutto ci saremmo aspettati, meno che vedere un Capo dello Stato abdicare dal suo ruolo di garante della Costituzione per schierarsi apertamente a sostegno di leggi incostituzionali e gravemente lesive dei diritti umani dei cittadini italiani”.

La senatrice Bianca Laura Granato, insieme a Mattia Crucioli e Luisa Angrisani della componente L’Alternativa C’è, ha scritto al Presidente della Repubblica in merito al paventato obbligo generalizzato e futuro di vaccinazione e al Green Pass.

Banner

“Il Presidente del Consiglio Mario Draghi e il Governo, sotto i suoi occhi - prosegue la lettera dei senatori di L’Alternativa C’è - con misure introdotte con il pretesto dell’emergenza sanitaria, hanno privato cittadini sani del diritto al lavoro, alla mobilità, all’istruzione per costringerli a sottoporsi alla vaccinazione. Il Green Pass conferisce una patente legale di immunità a tempo determinato in favore di chi scientificamente immune non è, potendo esser infettato e infettare a sua volta. Difatti non viene sospeso laddove il detentore sia positivo al virus e il dispositivo non risulti scaduto. Quindi non contiene i contagi, non tutela i cittadini, non salva vite umane, non trova fondata giustificazione in alcuna fonte del diritto, non scongiura né ospedalizzazioni, né terapie intensive, né decessi, non è un dispositivo sanitario ma uno strumento di discriminazione politica di cui questo Governo, da Lei sostenuto, ha abusato e sta abusando certamente”.

Banner

“Il ricorso ai tamponi ogni 48 ore per ottenere il Green Pass - è scritto nella lettera - oltre ad essere una pratica invasiva non è economicamente accessibile a tutti, mentre i vaccini sono offerti gratis a tutti, introducendo surrettiziamente un obbligo. E si trascurano colpevolmente i test salivari, che meriterebbero di diventare lo standard per il tracciamento per via del costo di gran lunga inferiore e per la loro accuratezza e non invasività. Oggi poi esistono protocolli di cure alternative (anticorpi monoclonali), per cui interventi mirati e tempestivi anche in telemedicina possono scongiurare ospedalizzazioni, terapie intensive e anche decessi, anche nei casi di infezione più severa”.

Banner

“Le strategie di contrasto alla diffusione del Covid-19 sono dettate dalla scelta politica di non investire nella medicina del territorio e nella sanità pubblica. Ma il Governo preferisce promuovere eventi pubblici a carattere mondano (“Open day” o “Open night”), in cui si vaccinano migliaia di giovani, con pratiche sbrigative, senza accurata anamnesi. Secondo l’Agenzia europea per i medicinali il vaccino ha causato, nei 27 Paesi dell’Unione, 23.252 morti e 2.189.537 danneggiati, di cui la metà in modo grave. Chi non vuole vaccinarsi viene liquidato come “NoVax” ed esposto alla pubblica gogna come strenuo difensore della libertà individuale a discapito di quella collettiva. Questa falsa e offensiva narrazione sta provocando gravi disagi sociali e rischia di sfociare in reazioni borderline di cui ognuno si deve assumere la sua quota di responsabilità, Lei incluso”.

“Ci saremmo aspettati che Lei - prosegue la senatrice Granato - , quale rappresentante dell’unità nazionale, avrebbe tutelato i diritti costituzionali di tutti con imparzialità, sollecitando il Governo a tutelare in modo sufficiente ed adeguato la salute pubblica. E invece lei, signor Presidente, tutt’al più chiede all’Europa di aggravare il livello di repressione dei diritti, dando sponda ad un Governo che non sta agendo nell’interesse pubblico”.

“Ci auguriamo - concludono i senatori di L'Alternativa C'è - che questa lettera La induca ad una seria riflessione sulle responsabilità connesse al Suo ruolo. Rifletta, signor Presidente, la storia non perdona e la verità non potrà rimanere ancora a lungo soffocata dall’oscuramento mediatico e dalla propaganda”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner