Guardie mediche chiuse a Botricello e Marcedusa, protestano i sindaci: “Pronti ad azioni eclatanti”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Guardie mediche chiuse a Botricello e Marcedusa, protestano i sindaci: “Pronti ad azioni eclatanti”

  10 novembre 2022 11:22

La chiusura ripetuta delle Guardie mediche a Botricello e Marcedusa ha scatenato l’ira dei sindaci, Saverio Simone Puccio e Domenico Garofalo, che hanno annunciato “azioni di protesta eclatanti” a tutela della salute pubblica.

I due sindaci hanno scritto una lettera aperta al Ministro della Salute, Orazio Schillaci, al presidente Regione Calabria e Commissario Sanità, Roberto Occhiuto, e al prefetto di Catanzaro. La missiva è stata trasmessa anche ai vertici dell’Azienda sanitaria provinciale, alla Procura di Catanzaro ei carabinieri. 

Banner

Puccio e Garofalo hanno evidenziato “la ferma volontà di avviare ogni azione a tutela della popolazione dei due centri considerato che dallo scorso mese di luglio si registrano continui disagi e chiusure delle postazioni di continuità assistenziale”. 

Banner

La postazione di continuità assistenziale di Botricello è stata chiusa in questi ultimi mesi in alcune occasioni, mentre quella di Marcedusa risulta già chiusa e accorpata proprio a Botricello. Questo vuol dire che due comunità così importanti sono completamente sprovviste, per l’ennesima volta, di assistenza sanitaria. 

Banner

“Di fatto – scrivono i sindaci - in questi due paesi è vietato ammalarsi se si considera che le popolazioni sarebbero costrette, secondo l’Asp, a spostarsi a diversi chilometri di distanza per raggiungere la postazione di Sellia Marina. In quest’ultima sede, dunque, dovrebbero convergere i residenti di tre realtà, per un totale di circa 13.000 abitanti con un solo medico di turno”.

I sindaci di Botricello e Marcedusa usano parole molto forti: “Tutto questo è pura follia! Rappresenta a pieno uno Stato che ha scelto di violare palesemente le sue stesse norme, rinunciando ufficialmente a garantire l’assistenza sanitaria. Non stiamo qui a ricordare le violazioni costituzionali e penali che si stanno compiendo. Piuttosto, vogliamo chiaramente comunicare che non accetteremo più passivamente queste condizioni”. 

Puccio e Garofalo hanno evidenziato: “Abbiamo incontrato nei giorni scorsi i vertici dell’Asp di Catanzaro, ma ci è sembrato di interloquire con manager e funzionari assolutamente estranei alla realtà. Non accetteremo questo stato di cose! Siamo pronti ad attuare forme di proteste eclatanti, coinvolgendo le comunità che rappresentiamo e che dobbiamo difendere ad ogni costo. Davanti alla violazione palese di tutte le leggi in vigore – hanno proseguito - siamo pronti a reagire con altrettanta veemenza perché non si condanna un intero comprensorio a subire le incapacità e le irresponsabilità sia dei dirigenti sia di medici che non rispettano la loro “missione””.

Per questo, l’appello alle istituzioni: “Chiediamo un provvedimento urgente da parte del Ministero della Salute e del Commissario alla Sanità che obblighi i medici a coprire i turni di continuità assistenziale, rivedendo le normative attuali e i metodi di reclutamento, riorganizzando contestualmente la copertura del territorio provinciale e regionale. Dopo mesi di promesse e false illusioni, con continui disservizi e pericoli concreti per la popolazione, non arretreremo di un solo millimetro e a partire dalla prossima settimana attueremo forme di protesta eclatanti. Da Sindaci – hanno concluso - ci sentiamo abbandonati dallo Stato, coscienti che all’intera popolazione sia negato volutamente persino un diritto costituzionalmente garantito quale quello alla salute.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner