I partigiani piangono la morte di Mario Sirianni

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images I partigiani piangono la morte di Mario Sirianni
Mario Siranni
  24 luglio 2019 15:06

Aveva fatto in tempo a prendere la sua amata tessera Mario Sirianni, il partigiano conosciuto con il nome di battaglia Kent. Viveva a Soveria Mannelli; questa mattina ci ha lasciati. Un grande dolore per tutta l’Associazione dei partigiani con la quale Kent aveva uno straordinario rapporto da tantissimo tempo. Dopo tanti anni passati in silenzio – lui che aveva vissuto una vita difficile sulle montagne durante la Resistenza – decise di rimettersi in cammino. Un cammino diverso fatto di decine di incontri nelle scuole con i ragazzi di tutte le età, e ancora moltissime iniziative durante le quali ha raccontato la sua vita da partigiano combattente. I motivi della sua scelta, di ragazzo di appena 17 anni, appassionavano le persone che non si stancavano mai di ascoltarlo. Stare con i partigiani “era la cosa più naturale che io potessi fare”, questo l’inizio di tutti i suoi interventi.
E’ stato da combattente nella VII Divisione 183° Brigata d' Assalto Garibaldi nel distaccamento Coralli. Sulla sua avventurosa vita, ragazzi e docenti dell'Istituto Rodari di Soveria Mannelli/Carlopoli hanno costruito un racconto e un filmato. Ascoltarlo diventava un viaggio emozionante nella storia d'Italia. Ricordandoci con precisione la sua vita da Partigiano in Val d'Aosta, dalla fame ai rastrellamenti nazifascisti. Parlava delle sue amicizie e dei tanti tanti morti. Legatissimo alla ricorrenza del 25 Aprile, col fazzoletto rosso dell’ANPI al collo, quando non poteva partecipare alle iniziative chiamava amici e compagni per fare gli auguri. La Festa della Liberazione la portava nel cuore. Non volle dimenticare e nemmeno perdonare. “Ho visto troppo da vicino la barbarie nazifascista, non mi chiedete di dimenticare, non posso”; questa una delle sue affermazioni più ripetute.  Noi non dimenticheremo mai il nostro carissimo  amico Mario Sirianni, l’amato partigiano Kent.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner