I poliziotti di Catanzaro con il taser, la soddisfazione del SIULP: "Aiuterà a evitare aggressioni agli agenti"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images I poliziotti di Catanzaro con il taser, la soddisfazione del SIULP: "Aiuterà a evitare aggressioni agli agenti"

Il segretario provinciale del SIULP annuncia che subito dopo Catanzaro il taser arriverà anche a Lamezia Terme

  22 maggio 2022 14:47

"Dopo anni di battaglie e continue richieste in tal senso anche i Poliziotti catanzaresi addetti al controllo del territorio che sono stati regolarmente abilitati tramite un apposito corso formativo, a breve, avranno in dotazione la pistola ad impulsi elettrici. Nelle situazioni di pericolo quest’arma non letale sarà utile per dissuadere soggetti violenti e non collaborativi che costituiscono pericolo tanto per la cittadinanza che per gli Operatori di Polizia stessi. Si tratta di uno strumento che attraverso degli impulsi elettrici bloccherà i muscoli della persona colpita e quindi consentirà agli Agenti di operare con maggiore tranquillità evitando quel contatto fisico che tanto problemi sta creando in questi ultimi anni". Lo scrive in una nota il segretario provinciale del SIULP Gianfranco Morabito.

"L’utilizzo e la distribuzione di tale dispositivo - prosegue- eviterà, infatti, il rischio del contatto diretto con l’antagonista fuori controllo, inibendone la furia aggressiva e dando il tempo necessario a contenerlo. Il Taser è un’arma comune a tutti gli effetti – utilizzato in altri Paesi da quasi 20 anni - che risulterà certamente utile per impedire il fenomeno delle aggressioni alle Forze dell’Ordine proprio perché consente di bloccare malintenzionati, anche se per pochi secondi, evitando il ricorso alle armi da fuoco quando bisogna neutralizzare aggressori armati di coltelli, machete, mazze o bastoni".

Banner

Banner

"Proprio per le ragioni appena esposte - conclude Morabito-, siamo più che contenti che i colleghi della città capoluogo prima e quelli di Lamezia Terme subito dopo potranno beneficiare dell’utilizzo di tale strumento nello svolgimento essenziale del loro delicato, difficile e complesso lavoro, svolto prevalentemente in strada e nei quartieri più difficili delle realtà urbane dove operano".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner