I vigilanti manifestano per il mancato rinnovo del contratto

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images I vigilanti manifestano per il mancato rinnovo del contratto
Saverio Scarpino UiltuCs segretario provinciale
  01 agosto 2019 14:12

CATANZARO- Questa mattina, in Piazza Prefettura, una nutrita rappresentanza di lavoratori della vigilanza privata ha manifestato sullo stato delle trattative sui rinnovi de contratti. "Vogliono ridurre il trattamento di malattia. Contratti scaduti da tre anni". E' lo slogan che ha prevalso durante la manifestazione. Ad accompagnare i lavoratori c'era il segretario provinciale della UILTuCs Calabria unione italiana, Saverio Scarpino.

Scarpino ha spiegato i motivi della protesta: “Si è trattato di una manifestazione indetta a livello nazionale, che ha interessato le  principali prefetture d’Italia. Lo sciopero dei viglianti e delle guardie armate – prosegue Scarpino -è  stato indetto per sollecitare le trattative di rinnovo del contratto, che al momento ha peggiorato la situazione dei lavoratori con aumenti ridicoli,  straordinari mal considerati e la malattia spesso a carico dei lavoratori”. Il segretario provinciale UiltuCs incalza: “Senza contare le altre situazioni. Ad esempio, anche le Prefettura dovrebbero controllare gli appalti che spesso vengono vinti con ribassi vertiginosi, assegnati a favore di aziende poco serie che vanno a causare solo danni  contrattuali”. “Non possono garantire il minimo retributivo - ha proseguito- mettendo in difficoltà non solo i lavoratori ma anche il servizio stesso.  Aziende che fanno concorrenza sleale a quelle più serie. Per questo motivo a mio parere, la prefettura potrebbe intervenire sulla gestione degli appalti".

Banner

"Per quanto riguarda il territorio – conclude - questi svolgono un lavoro pericoloso e in effetti, specifico, sul furgone del portavalori sono presenti solo due guardie, una scende e l’altra va a consegnare  o prelevare, e quindi la situazione di pericolo aumenta.  Inoltre le pattuglie di sorveglianza fanno il turno sia notturno che diurno con una sola guardia. Tutto ciò fa si che questo lavoro che gestisce situazioni delicatissime, abbia soltanto un peggioramento. Allora il nostro auspicio è che  ci auguriamo che dopo queste manifestazioni possa riaprirsi il tavolo per le trattative e che possa sfociare in un miglioramento, affinché queste persone possano avere le giuste gratificazioni sul lavoro”.

Banner

 

Banner

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner