IIS De Nobili di Catanzaro, Palma Comandè apre la terza edizione di Agorà

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images IIS De Nobili di Catanzaro, Palma Comandè apre la terza edizione di Agorà

  13 gennaio 2024 19:36

Al via questa mattina  la terza edizione della Rassegna letteraria Agorà presso l’Istituto “De Nobili” di Catanzaro egregiamente rappresentato dal Dirigente, prof. Angelo Gagliardi. Il titolo scelto quest’anno è “Legalità e cultura:un’alleanza virtuosa per lo sviluppo del territorio”, una rassegna   che porta una firma tutta “denobiliana” e che celebra la produzione letteraria calabrese e nazionale che in questi ultimi anni sta vivendo un periodo di straordinaria vitalità. Primo appuntamento con Palma Comandè, che ha presentato la sua opera “La padrina”, un racconto ambientato in Calabria, un  intreccio di storie di donne sospese tra il desiderio di emancipazione e l’attaccamento “malato” alle radici familiari, un groviglio di vicende conflittuali di donne nate e cresciute in ambienti di ‘ndrangheta. E di donne si parla  nel romanzo ma soprattutto  del loro ruolo nella ‘ndrangheta che, pur non essendo in prima linea, è determinante nelle scelte più strategiche delle ‘ndrine. L’autrice analizza così gli ambienti, i comportamenti, i motivi che spingono a determinate azioni di odio e di vendetta all’interno di famiglie appartenenti all’organizzazione criminale più potente al mondo. Alla radice del romanzo c’è il desiderio da parte della Comandè di comprenderne i meccanismi contraddittori, cosa spinga le donne della ‘ndrangheta da un lato a dare la vita e dall’altro a sacrificarla, consapevoli di farlo, spingendo all’odio e alla vendetta i propri stessi cari. Il tutto attraverso la voce di due donne: la bisnonna Menù (la Padrina), che manifesta il suo infinito e indiscusso potere matriarcale e patriarcale insieme, alla quale è affidato il destino delle vite dei suoi discendenti e la pronipote Mirià, l’io narrante del libro, alla ricerca di spazi di libertà dei propri desideri, spazi a lei negati  a causa delle sue radici di appartenenza. Ha moderato l’incontro il prof. Roberto Chiarella che, nel ringraziare l’amministrazione provinciale di Catanzaro per il patrocinio gratuito all’evento, ha presentato l’autrice, soffermandosi sul tema scelto quest’anno, la legalità,  che svolge un ruolo imprescindibile per la rinascita del nostro territorio. L’opera è stata poi egregiamente presentata dal prof. Fabio Barletta e ha visto protagonisti gli alunni di alcune classi terze  e quarte dell’indirizzo scienze umane del liceo cittadino, i quali hanno dialogato con l’autrice attraverso interventi pertinenti scaturiti da un’attenta lettura del libro stesso. 

La Rassegna Agorà procederà il prossimo martedi 16 gennaio con “La tazzina della legalità” di Sergio Gaglianese, una profonda riflessione sull’immagine della Calabria nata dall’attentato subito dall’azienda Guglielmo Caffè lo scorso luglio 2022 e con lo scopo di sensibilizzare la comunità calabrese e non solo alla cultura della legalità e allo lotta alla criminalità. Dopo i saluti istituzionali del dirigente Gagliardi e del sindaco Nicola Fiorita,interverranno Matteo  Tubertini, consigliere delegato del gruppo Guglielmo , dott. Antonio Ranieri,  dott.Giuseppe Mazzei, dott. Raffaele Maurotti con delegazione Coisp e l’ avv. Piervincenzo Gigliotti.

Banner

 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner