Il buco nero del Consorzio Sibari-Crati, CSA-Cisal: "Il commissario si dimette da due anni ma nessuno lo ascolta"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il buco nero del Consorzio Sibari-Crati, CSA-Cisal: "Il commissario si dimette da due anni ma nessuno lo ascolta"
Cittadella Regionale
  04 novembre 2021 07:12

Se un’Amministrazione non risponde ad atti formali di un suo dirigente come potrà mai prestare ascolto alle istanze dei comuni cittadini? È il legittimo quesito che viene da porsi dinnanzi alla parossistica vicenda del commissario liquidatore dell’ex Consorzio di Bonifica Sibari-Crati.

L’ALLARME DEL COMMISSARIO LIQUIDATORE: “NON SI PUO’ PREDISPORRE UN PIANO DI RIPARTO SERIO PER I CREDITORI” - Il Consorzio in questione - fa sapere il sindacato CSA-Cisal - è stato posto in liquidazione con la legge regionale n. 12 del lontano 20 novembre 2006. L’attuale commissario liquidatore, l’avvocato Rodolfo Elia (dirigente regionale), viene nominato con delibera di Giunta regionale n. 441 del 27 ottobre 2015. Un problema dunque risalente nel tempo e giusto per capire le “evoluzioni” più vicine nel tempo ricordiamo una missiva del 14 giugno 2021 in cui il commissario liquidatore faceva notare, direttamente al presidente f.f. Nino Spirlì, problemi da far tremare le vene ai polsi. “Gli atti contabili… mettono in evidenza, come ogni anno, la drammatica situazione economica-finanziaria al 31.12.2020, non consentono oggettivamente di predisporre un piano di riparto serio per poter soddisfare i numerosi creditori chirografari e privilegiati che, nella maggior parte dei casi, sono muniti di titoli esecutivi. Ciò, per la mancanza di copertura finanziaria che rende oltre modo difficile, in tempi brevi, procedere alla chiusura delle complesse operazioni di liquidazione. Pertanto - prosegue Elia -, come già rappresentato in passato, evidenzia la necessità di individuare adeguate soluzioni, anche legislative, al fine di consentire la chiusura della liquidazione che non può protrarsi sine die. Infine, nel chiedere un formale incontro con la S.V. - scrive sempre il dirigente Elia - in merito a tale problematica, resta a disposizione per eventuali chiarimenti ed ogni forma di collaborazione…”.

Banner

I TENTAVI DI DIMISSIONE VANNO AVANTI DA OLTRE DUE ANNI MA SENZA ALCUN RISCONTRO - Tuttavia, nessun incontro verrà mai accordato al commissario liquidatore dell’ex Consorzio di Bonifica Sibari-Crati. Lo stesso dirigente regionale con una pec del 6 luglio 2021, indirizzata nuovamente al presidente f.f. e al capo di gabinetto (oltre che al dipartimento “Agricoltura) “chiede” di “prendere atto delle dimissioni dall’incarico di commissario liquidatore, già rassegnate in atti. Ad ogni modo reitera le dimissioni dall’incarico, declinando, con decorrenza immediata, ogni responsabilità connessa e/o conseguenziale all’incarico medesimo”. Nel silenzio dell’Amministrazione, il commissario liquidatore prova a lanciare l’ultimo “grido” disperato inviando nuovamente una pec al presidente f.f. e al capo di gabinetto il 30 agosto 2021, che addirittura è stata consegnata anche a mano con tanto di ricevuta. Elia ricorda come “… fin da subito (dalla nomina del 2015), resosi conto della grave situazione in cui versava e versa l’Ente in liquidazione, ha fatto presente, mediante relazioni scritte e con pressanti richieste di incontro, quali erano e sono le condizioni ostative che impedivano ed impediscono la chiusura della liquidazione, sollecitando codesto Ente (la Regione) ad assumere le iniziative opportune, anche di carattere legislativo, per tentare una soluzione definitiva… che, tuttavia - prosegue il commissario liquidatore - ogni sua sollecitazione, è rimasta senza risposta, così come alcun riscontro è stato dato alla comunicazione delle dimissioni rassegnate con pec fin dal 1.09.2010”. Dunque, il dirigente regionale si era dimesso dall’incarico di commissario liquidatore del Consorzio di Bonifica Sibari-Crati già nella passata legislatura, oltre due anni fa senza ricevere alcun cenno dall’Ente regionale. Una situazione incredibile descritta dallo stesso dirigente nel prosieguo della pec “a tutt’oggi si registra ancora un inaudito ed ingiustificabile silenzio da parte di codesta Amministrazione regionale”.   

Banner

I DEBITI SPAVENTOSI E LA CONSEGNA DELLE CHIAVI DEL CONSORZIO AD AGOSTO. MA ANCORA SILENZIO DALLA REGIONE - “… La situazione - prosegue ancora il commissario liquidatore -, come denunciato è divenuta insostenibile (così come lo era) non solo sotto il profilo economico-finanziario, ma anche per l’assoluta carenza di risorse umane, che impediscono anche l’espletamento di ordinarie attività, come ad esempio quella di ritirare e registrare la posta”. Dopodiché arriva l’atto simbolico: “… stante, l’oggettivo disinteresse di codesta Amministrazione regionale lo scrivente, anche per motivi personali, si vede costretto a consegnare simbolicamente e formalmente le chiavi della sede del Consorzio, stante le dimissioni formulate in atti ed in ultimo da pec del 6 luglio 2021”. Per la cronaca la diffida si conclude con la consegna delle chiavi presso la segreteria dell’Ufficio di Presidenza. Ma ancora oggi non c’è stata alcuna risposta. Peraltro, la situazione economico-finanziaria meriterebbe attenzione da parte della Regione, visto che, come emerge dal bilancio 2020, dallo stato patrimoniale emergono la bellezza di circa 93 milioni di debiti (rispetto ai quali non c’è alcuna copertura) e il disavanzo del conto economico è di 6,2 milioni. Dunque, questo Consorzio, sebbene in liquidazione, continua ad essere un pozzo nero di risorse pubbliche.

Banner

SE NON VIENE ASCOLTATO UN DIRIGENTE DELLA STESSA REGIONE CHE FINE FARANNO LE ISTANZE DEI CITTADINI COMUNI? - Ricapitoliamo: il Consorzio di bonifica è stato posto in liquidazione nel 2006, a distanza di 15 anni la procedura è tutt’altro che chiusa anzi spuntano debiti su debiti, il commissario liquidatore nominato dalla Regione è lasciato solo e non ha nemmeno il personale per la registrazione della posta, si dimette da oltre due anni senza soluzione di continuità ma nessuno ha la compiacenza di rispondergli. Ma dove vogliamo andare e di cosa vogliamo parlare? Se questa è l’attenzione della Regione – evidenzia il sindacato CSA-Cisal – sul danaro pubblico che viene speso senza interruzione e un suo dirigente è costretto a consegnare le chiavi di una struttura perché inascoltato, è chiaro che non si possa andare da nessuna parte. Visto questo precedente da incubo cosa dovrebbero aspettarsi i cittadini calabresi che si rivolgono all’Ente se non la totale indifferenza. E si badi questo atteggiamento va avanti da anni, quindi non è nemmeno ascrivibile ad un particolare colore politico dell’Amministrazione. Occorre davvero cambiare passo. Per questo il sindacato CSA-Cisal chiede ufficialmente che venga esaminata con la dovuta attenzione il dossier del Consorzio di bonifica Sibari-Crati perché non solo rischia di diventare l’ennesimo buco dove vengono sperperati soldi dei contribuenti ma anche perché tutti hanno una dignità. E soprattutto la classe dei dirigenti regionali che, oltre alla faccia, ci mettono anche la propria responsabilità. Per cui venga quanto meno ascoltato il commissario liquidatore che disperatamente sta cercando di attirare l’attenzione da anni ma senza successo. Il nuovo presidente della Giunta regionale ha annunciato che riuscirà a “cambiare la Calabria”, ecco è il caso anche di cominciare a prestare ascolto a queste istanze e risolvere i nodi così risalenti nel tempo che hanno contribuito ad affossare questa regione.  

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner