Il consigliere Pitaro: “La Giunta regionale spieghi gli impegni per la stagione turistica e la salvaguardia del mare”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il consigliere Pitaro: “La Giunta regionale spieghi gli impegni per la stagione turistica e la salvaguardia del mare”
Il consigliere regionale, Francesco Pitaro
  25 maggio 2021 10:26

“La prossima seduta del Consiglio regionale sia incentrata sull’imminente stagione turistica e sul mare. Sarebbe un delitto non attrezzarsi adeguatamente e per tempo”. È quanto asserisce il  consigliere regionale Francesco Pitaro che aggiunge: “In prossimità della libera circolazione sul territorio nazionale e internazionale e con l’urgenza degli operatori del settore turistico, tra i più penalizzati dagli effetti pandemici, di rimettersi al lavoro, la Regione ha il dovere di spiegare cosa sta facendo per valorizzare i nostri beni ambientali, storici e architettonici. Cosa propone per rilanciare il turismo nel periodo estivo sia al mare che in montagna, come integrare i diversi territori con le eccellenze in una proposta di accoglienza che valorizzi le risorse e le sinergie tra le diverse località turistiche marine e montane della Calabria”. 

Ad avviso del consigliere regionale: “Ci si attende che la Regione utilizzi con profitto ogni mezzo a sua disposizione per assicurare un stagione estiva dignitosa. E per  garantire un mare pulito e limpido e paesaggi montani liberi da rifiuti, sentieri per gli escursionisti attrezzati, le ciclovie funzionanti e non solo progetti sulla carta. Per quanto riguarda il mare, in particolare, siano l’Assessore all’Ambiente ed eventualmente i vertici dell’Arpacal a ragguagliarci  sulle sue  condizioni, non solo a inizio stagione, ma  durante tutta il periodo estivo quando le criticità sono sempre più forti".

Banner

"La Regione - sottolinea Pitaro - imponga un sistema di comunicazione trasparente sulle situazioni di non conformità degli scarichi non depurati, tiri fuori adesso la mappa delle criticità storiche che sono già conosciute della non balneabilità dei tratti di costa della Calabria e solleciti interventi urgenti di ripristino ai comuni inadempienti. Dica con chiarezza, carte alla mano,  ciò che è stato fatto anche in materia di depurazione, al fine di evitare spiacevoli sorprese a luglio e ad agosto che rovinerebbero aspettative e impegni”.

Banner

Conclude Pitaro: “Che si sappia, ad oggi non è stata pubblicata la classificazione della qualità delle acque di balneazione della Calabria e ai calabresi andrebbe spiegato il perché. Perchè nessuno di noi vuole chiedere scusa dopo a turisti e vacanzieri insoddisfatti della qualità del mare calabrese”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner