Il Consiglio regionale approva il bilancio di previsione, Occhiuto: "Piccole variazioni, più avanti manovra da 28 milioni"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il Consiglio regionale approva il bilancio di previsione, Occhiuto: "Piccole variazioni, più avanti manovra da 28 milioni"

  23 dicembre 2021 15:10

"Abbiamo fatto sostanzialmente un bilancio a poste invariate, c'è solo qualche variazione nella tabella che riguarda alcuni enti di promozione sociale. C'è un leggero incremento per il Consiglio regionale perché voglio che possa svolgere al meglio le proprie funzioni e negli anni passati ha dato prova di virtuosità. Siamo intervenuti davvero poco. C'è poi una posta in bilancio di 28 milioni che potrà servire a inizio anno per fare una o più manovre". Lo ha detto il presidente Roberto Occhiuto nel corso della seduta che fra i vari punti all'ordine del giorno presenta la discussione sul bilancio di previsione. Il presidente ha invitato a votare contro gli emendamenti presentati per evitare lo slittamento ulteriore dell'approvazione del bilancio. Occhiuto comunque ha lasciato aperta la porta a una valutazione degli emendamenti e al loro eventuale finanziamento "quando faremo qualche manovra a inizio anno". "Il bilancio è ingessato? E' ingessato da anni. Abbiamo solo il 10% delle risorse disponibili", ha aggiunto Occhiuto. "Abbiamo tentato di ridurre la mole di contenzioso. Abbiamo messo in liquidazione l'Afor che generava 25 mila procedure esecutivi. Inoltre vogliamo riorganizzare l'avvocatura regionale", ha detto ancora. Il bilancio di previsione è stato poi approvato dall'Aula. Sono stati bocciati respinti due emendamenti del Pd e un altro è stato ritirato.  

Aveva aperto la discussione generale sul Bilancio Amalia Bruni (Misto) che ha definito contrassegnato "dalla cultura della fretta la discussione che oggi portiamo avanti in quest'Aula, su un Bilancio che conferma la fragilità e la perifericità del nostro sistema economico. Uno strumento finanziario che si conferma ingessato e che lascia pochi margini di manovra all'attuazione di un indirizzo politico". La Bruni ha chiesto anche un "atto di verità e di confronto" sugli Enti di sottogoverno regionale". Di parere contrario Pasqualina Straface (FI) per la quale il Bilancio "dimostra la grande capacita dell'Amministrazione Occhiuto di far giungere in Consiglio tre punti (di Bilancio) di notevole complessità. Una sfida che non si presentava affatto facile - ha sottolineato - e che segna, nella utilizzazione delle risorse libere una netta linea di demarcazione con il passato. Un differente humus culturale rispetto alle impostazioni del passato". Davide Tavernise (M5S) citando alcuni passaggi della relazione della Princi, è giunto alla conclusione che "questa Regione, almeno nelle ultime 4 legislature è stata gestita con i piedi. Siamo qui a parlare quasi del nulla, perché abbiamo un Bilancio quasi del tutto ingessato e vincolato". Riconoscendo al Presidente Occhiuto di essere già intervenuto per risolvere alcuni problemi, come i debiti dell'Afor, ha aperto ad un contributo costruttivo con la maggioranza, "a patto - ha concluso - che la collaborazione arrivi da tutte e due le parti". Giacomo Pietro Crinò (Forza Azzurri) che ha informato dello sblocco dei 69 mln di euro del Fondo Sociale della Calabria, "risultato - ha detto - della forte iniziativa politica e tecnica che il Presidente Occhiuto ha svolto a Bruxelles". Domenico Bevacqua (Pd) dopo aver preventivamente chiesto a Occhiuto una risposta alla sua interrogazione sull'allarmante situazione del Pronto Soccorso di Cosenza ha detto di aver apprezzato lo sforzo della vicepresidente nel difendere "un bilancio ingessato, sul quale è giunto il momento di fare chiarezza. Da 6 anni - ha affermato - sentiamo sempre la stessa pappardella, e quest'Aula ha il dovere di verificare del perché di questo stato del bilancio calabrese. Un bilancio fotocopia di quelli precedenti, che il giudizio di parifica della Corte dei Conti ha ancora di più ingessato. La situazione è grave e merita un cambiamento di rotta forte". A Bevacqua ha immediatamente risposto l'assessore al turismo Fausto Orsomarso (FdI) che ha rimarcato le differenze di visione tra coalizioni. "Non siamo la stessa cosa - ha ricordato - con chi ha costruito pezzi di precariato in Calabria" per rimarcare la differenza di impostazione che si afferma sul Bilancio rispetto al passato. Ferdinando Laghi (Lista De Magistris) ha posto l'attenzione su alcune "voci" del bilancio che richiamano a particolari categorie o particolari patologie, "i cui dati vanno - ha detto verificati e approfonditi per rendere i singoli provvedimenti più efficaci" e ha posto l'attenzione sulla gestione degli Enti sub regionali, come l'Arpacal sulle quali è necessaria una maggiore vigilanza.

Banner

 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner