“Il giardino del Medio Oriente” raccontato da Vincenzo Speziali

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images “Il giardino del Medio Oriente” raccontato da Vincenzo Speziali
Vincenzo Speziali
  17 luglio 2021 11:24

di VINCENZO SPEZIALI


Se dovesimmo parafrasare la parabola di Gesù sul "figliol prodigo", il rientro di quest'ultimo nella casa, sarebbe per i libanesi, il ritorno alla normalità, mentre per il festeggiamento, invece di uccidere il vitello grasso, si dovrebbe applicare l'eliminazione - non certo cruenta, bensì politica - di due nefasti incompetenti, ovvero l'attuale Presidente della Repubblica, Michel Aoun e il rifiutante Presidente del Consiglio dei Ministri, Saad Hariri, già ex Premier e a sua volta sconsolatamente sprovveduto, nella pratica e nella materia della politica (d'altronde non stiamo parlando di uno statista, bensì di un affarista fallito, che ha dilapidato l'eredità finanziaria lasciata, a lui, da suo padre).
Il Libano, personale patria d'adozione, nonché terra di mia moglie e dei miei figli, è sempre stato considerato, "non un Paese, bensì un messaggio" (S. Giovanni Paolo II, 1998), anzi il giardino del Medio Oriente, purtuttavia con le sue insite frammentarieta', a sfondo religioso. 
Il popolo, però è pacifico, laborioso, creativo, fatansioso, gioioso, nel suo essere che scorre e nell'affrontare il dolore (oltre le difficoltà dell'area, in cui si incastra questo Stato poliedrico, comunque amante della vita), anche in mezzo a problematiche e perigliosi scontri, facendo, appunto del Libano, la cassa di compensazione delle tensioni regionali e "regolando i conti"  - dei Paesi confinanti o delle così dette potenze regionali - sulla pelle di questa gente, la quale ti accoglie con il sorriso e mai, mai, mai, ti abbandona. 
Le persone, di tale angolo di mondo (o per meglio dire, di paradiso, che fu e che deve tornare ad essere), osservano sconcertate le diatribe di questi due presunti e nauseabondi dioscuri, a loro volta capibastone pro tempore, di una classe politica indegna, assolutamente priva di senso dello Stato, del dovere, della responsabilità e dell'amore patrio: piccoli uomini, abbarbicati nei loro fragili fortilizi, che consapevolmente o meno, tentano di raschiare il fondo del barile, per le loro miserrime ruberie, sulla pelle di coloro, cioè i libanesi, i quali sono ben oltre costoro, anzi, stanchi, stufi e uniti, hanno deciso di superare le divisioni, settarie e religiose! 
È l'ennesimo miracolo del Libano, che pur nella tragedia attuale affronta, grida e osanna il senso della vita, il suo voler vivere, ribadendo pervicacemente, il diritto ad esistere, così, normalmente, ben oltre la crisi sanitaria, sociale, economica e finanziaria - emersa, drammaticamente, in questi ultimi giorni, ma già incominciata il 18 Ottobre 2019 - e di cui responsabili si trovano ad essere, agli occhi dei cittadini e dell'opinione pubblica planetaria, i reietti del feudalismo in capo al Paese dei Cedri. 
Purtroppo, ci troviamo di fronte alla "macelleria di un popolo", ovvero all'ultimo "martirio di una nazione", eppure intorno a questa tragedia, molti continuano a tacere, nonostante le prese di posizione e i richiami della Santa Sede, con il Papa in testa, significando, ancora una volta (per l'ennesima volta) quale grande e unica autorità morale (e politica) sia il Vaticano. 
L'allarme è reale, poiché persino Israele accentua la sua preoccupazione e manifesta disponibilità di aiuto e assistenza umanitaria, pur avendo, con il confinante Libano, uno stato di guerra permanente e nemmeno un armistizio firmato. 
Mi auguro che la comunità internazionale si faccia sentire, con l'Italia e la Francia, in prima linea (visti i legami storici, economici e militari), non abbondonando questa mia seconda patria e la sua gente, in quanto anche "noi" libanesi abbiamo diritto ad un'esistenza, nella quale l'identità di ciascuno offre rifugio e tolleranza per il credo fideistico dell'altro. 
La gente è pronta, chiede aiuto, con dignità e consapevolezza, al mondo, affinché li supporti nello sbarazzarsi di questa immonda e immorale, apolitica e aconfessionale, pesudo classe dirigente, che risulta abusiva delle istituzioni, senza capire o voler intendere, come la rabbia degli oppressi li spazzera' via, al pari dei Siriani, scacciati a furor di popolo e senza sangue, nell'indimenticabile 2005: a proposito e con orgoglio, io ero già lì. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner