Il magistrato Giuseppe Creazzo lascia la guida della Procura di Firenze, trasferito dal Csm a Reggio

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il magistrato Giuseppe Creazzo lascia la guida della Procura di Firenze, trasferito dal Csm a Reggio
Il magistrato Giuseppe Creazzo
  24 febbraio 2022 12:27

Il magistrato calabrese Giuseppe Creazzo lascia la guida della Procura di Firenze e viene trasferito nelle vesti di sostituto procuratore presso la Procura del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria.

L'incarico di procuratore capo di Firenze di Creazzo sarebbe scaduto a giugno. Ma il tempo che rimane al magistrato sino alla pensione (compirà 70 anni nel 2025) non gli consente più di concorrere per altri incarichi direttivi visto che bisogna assicurare una permanenza di almeno 4 anni.

Banner

A maggio dell'anno scorso, dopo che era stata resa nota la vicenda disciplinare relativa a presunte molestie ai danni della pm di Palermo, Alessia Sinatra, conclusasi con la sanzione della perdita di anzianità di due mesi, Creazzo aveva annunciato che aveva chiesto al Csm di andare in pensione in anticipo. Richiesta che in seguito ha però revocato, per cui al procuratore era rimasta una scelta limitata: a Firenze sarebbe potuto restare solo come sostituto. A questo punto ha deciso di tornare nella sua regione di origine, la Calabria, dove peraltro si è svolta anche quasi tutta la sua carriera di magistrato.

Banner

A Reggio Calabria Creazzo è stato sostituto alla Procura e poi giudice al Tribunale e, in seguito, consigliere alla Corte d'appello. Dal 2009 e sino al 2014, quando è stato nominato procuratore di Firenze, ha guidato la procura di Palmi. E negli anni in cui è stato in servizio in Calabria si è occupato di processi importanti: è stato pm nei processi per gli omicidi dei magistrati Antonino Scopelliti e Cesare Terranova e di Francesco Fortugno, il vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria, ucciso a Locri nel seggio allestito per le Primarie dell'Ulivo.

Banner

Creazzo, inoltre, alla guida dei pm fiorentini aveva da poco chiesto il rinvio a giudizio, nell’ambito dell’inchiesta sulla Fondazione Open, per Matteo Renzi, che lo ha denunciato insieme con gli altri pubblici ministeri che hanno condotto le indagini.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner