Il poeta catanzarese Vincenzo Ursini vince il primo Premio assoluto “La Casa rossa”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il poeta catanzarese Vincenzo Ursini vince il primo Premio assoluto “La Casa rossa”

  25 luglio 2022 08:45

 Il poeta catanzarese Vincenzo Ursini, con la lirica “Il cuore e le pietre”, ha vinto il primo premio assoluto “La Casa rossa”, di Cesena, giunto alla IV edizione e promosso  dall’associazione Jezz Life.

La consegna del riconoscimento, uno dei più qualificati premi letterari riservati alla poesia inedita italiana, è avvenuta sabato 23 luglio, nella splendida cornice della Rocca Malatestiana, alla presenza di un folto pubblico che ha seguito con grande interesse l’intera manifestazione.

Banner

Assente per motivi di salute, Ursini ha delegato a rappresentarlo il presidente dell’Auser provinciale di Cesena (associazione onlus di volontariato), Luciano Bigi.

Banner

“A Bigi – ha dichiarato Ursini – rivolgo un sincero ringraziamento per la grande sensibilità dimostrata nei miei confronti, accettando di ritirare il premio assegnatomi, pur non conoscendomi”.

Banner

All’’edizione di quest’anno hanno partecipato oltre 200 poeti con centinaia di opere di altissima qualità inviate da ogni parte d’Italia, isole comprese.

Più che impegnativo il lavoro della giuria composta da Gilberto Vergoni, Manuela Gori, Loris Pasini, Maria Laura Valente, Elide Giordani con il coordinamento di Nicoletta Dall’Ara, presidente del Consiglio Comunale e organizzatrice del concorso, da sempre sensibile e  appassionata sostenitrice di talenti poetici.

Il premio è stato patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna e dal comune di Cesena. Le liriche premiate sono state lette da Loris Carducci, con sottofondi musicali a cura di Alessandro Blini.

“Il cuore e le pietre” è una bella dedica al proprio padre, vissuto sullo sfondo del fascismo. Sullo scenario, la bellezza e la disperazione della gioventù, il buio della notte che assillano il figlio, il quale osserva attorno a sé la miseria interiore e lo sconforto dei giovani d’oggi. Come in una rivelazione, all’improvviso, il poeta ha un attimo di sollievo e può finalmente lasciarsi alle proprie spalle la rabbia per la scomparsa prematura del genitore. Il linguaggio è ricercato e fortemente allusivo con un finale di grande pathos emotivo.

Nato a Petrizzi nel 1954, Vincenzo Ursini scrive dalla fine degli anni ’60. Editore, è ora presidente dall’Accademia dei Bronzi, associazione culturale internazionale da lui fondata. Tra le sue pubblicazioni segnaliamo: “Senza frontiere” (Perri, 1973), “La terra dei padri” (Gabrieli, 1974), “L’esule” (Gabrieli, 1976), “Storie di periferia” (Gabrieli, 1977) col quale ha vinto il premio “Pier Paolo Pasolini”. È stato insignito del Premio di Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri e ha vinto decine di concorsi letterari tra i quali i premi: “San Nicola Arcella”, 1982 (medaglia di argento del Presidente della Repubblica; “Nepetia”, Amantea 1983; “Regium Julii”, sezione poesia su Reggio Calabria, 1983 (Medaglia d’oro del Presidente del Consiglio dei Ministri), “Unione culturale calabrese”, Catanzaro, 1974, “Franco Loria”, Crotone 2017.

Ha promosso e presieduto centinaia di iniziative artistico-letterarie tra le quali il premio “Città di Valletta” (realizzato per dieci anni consecutivi a Malta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica che ha consegnato personalmente i riconoscimenti ai vincitori) e il premio “Alda Merini” del quale, quest’anno, si è celebrata la decima edizione.

Dopo una lunga pausa dettata dai numerosi impegni di lavoro, nei mesi scorsi ha ripreso a scrivere poesie e canzoni molte delle quali sono state musicate, di recente, da Luigi Cimino. Di prossima pubblicazione il suo volume “Eravamo comunisti” (poesie scelte e canzoni).

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner