"Il sistema": i clan pescavano nella "bacinella comune" per mantenere i detenuti

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Il sistema": i clan pescavano nella "bacinella comune" per mantenere i detenuti

  02 settembre 2022 12:31

I clan di Cosenza avevano una "bacinella comune" per il mantenimento dei detenuti. Il dato emerge dalle carte dell'indagine "Il sistema", coordinata dalla DDA di Catanzaro e che ieri ha portato all'iscrizione sul registro di indagati di 202 persone. Coinvolti i clan del Cosentino e una fetta della politica della provincia bruzia, tra cui sindaci e assessori 

Dal lavoro guidato dal procuratore Nicola Gratteri e dalle forze di polizia, è venuto fuori che i proventi delle attività illecite condotte dalla confederazione sarebbero stati suddivisi tra i due gruppi principali: gli italiani da una parte e gli zingari dall'altra (con al vertice di questi ultimi Abbruzzese Luigi).

La 'ndrangheta fa dei numeri e della precisione una delle caratteristiche principali e così c'è anche la fotografia della suddivisione delle elargizioni. In termini percentuali, il 60% sarebbe andato agli italiani, mentre il 40% agli zingari. 

Le somme sarebbero stato destinate sia al mantenimento dei sodali detenuti (quantificando le somme in base al grado gerarchico del sodale), che al pagamento di "stipendi" per i sodali liberi. Senza escludere il finanziamento delle stesse attività illecite.

Le ricostruzioni delle dinamiche criminali sono state possibili attraverso le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner