Il Tar "sblocca" i lavori alla 'Casa della salute' di Chiaravalle centrale: respinto il ricorso di un Consorzio

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il Tar "sblocca" i lavori alla 'Casa della salute' di Chiaravalle centrale: respinto il ricorso di un Consorzio
Il sindaco di Chiaravalle, Domenico Donato
  25 novembre 2021 11:11

Si sbloccano i lavori  alla Casa della salute di Chiaravalle.  Il Tar ha rigettato il  ricorso del Consorzio Stabile Agoraa s.c.a.r.l  rappresentato e difeso dagli avvocati Francesco Mollica e Francesco Zaccone contro l’Agenzia nazionale per l’Attrazione degli Investimenti e lo Sviluppo di Impresa (Invitalia) s.p.a.,   rappresentata e difesa dagli avvocati Vincenzo Fortunato e Giuseppe Sapienza; l’Azienda Sanitaria Provinciale (A.S.P.) di Catanzaro  rappresentata e difesa dagli avvocati Maria Lorusso e Anna Muraca;  il Commissario ad acta Piano di Rientro dai Disavanzi sanitari della Regione Calabria, rappresentato e difeso dall’Avvocatura Distrettuale Catanzaro,   nei confronti di Air Fire s.p.a. e Tecno Futura s.r.l  difesi dagli avvocati Alfredo Gualtieri e Demetrio Verbaro,  per l’annullamento degli atti e delle operazioni concernenti la procedura di gara indetta da Invitalia s.p.a. quale centrale di committenza, per conto dell’A.S.P. di Catanzaro, per l’aggiudicazione dell’appalto relativo ai lavori di demolizione e ricostruzione della “Casa della Salute” di Chiaravalle Centrale  nelle parti in cui   si era disposta l’aggiudicazione della procedura in favore del R.T.I. Air Fire s.p.a./Tecno Futura s.r.l. anziché in favore del ricorrente .

Era stato il  Consorzio Stabile Agoraa s.c.a.r.l a partecipare alla gara per l’affidamento dei lavori di demolizione e ricostruzione della Casa della Salute di Chiaravalle Centrale, indetta da Invitalia s.p.a. per conto dell’A.S.P. di Catanzaro, da aggiudicarsi secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.  All’esito della procedura, il costituendo raggruppamento (R.T.I.) composto da Air Fire s.p.a. e Tecno Futura s.r.l. era risultato aggiudicatario, con 74,67 punti, di cui 63,363 per l’offerta tecnica, mentre il Consorzio si è classificato secondo, con 59,67 punti, di cui 52,44 per l’offerta tecnica. Da qui il ricorso respinto. 

Banner

 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner