Inchiesta devastazione torrente Valanidi nel Reggino, Legambiente si costituirà parte civile

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Inchiesta devastazione torrente Valanidi nel Reggino, Legambiente si costituirà parte civile

  11 febbraio 2024 10:53

 “L’inchiesta condotta dalla D.D.A. sulla devastazione del torrente Valanidi a Reggio Calabria conferma l’intreccio tra traffici illegali dei rifiuti e ciclo illegale del cemento con enormi conseguenze ambientali, che caratterizza l’ecomafia – affermano Anna Parretta, presidente di Legambiente Calabria ed Enrico Fontana, responsabile dell’Osservatorio nazionale Ambiente e legalità - in cui la ‘ndrangheta sembra avere esercitato un ruolo fondamentale. Smaltimento illecito degli inerti da demolizione e saccheggio di quelli naturali presenti nell’alveo del fiume hanno alimentato un vero e proprio circuito criminale protratto nel tempo con ingenti profitti e danni incalcolabili per la collettività. Legambiente si costituirà parte civile, grazie ai propri avvocati dei Centri di Azione giuridica, nel procedimento penale avviato dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria”. 

LEGGI QUI LA NOTIZIA DELL'INCHIESTA CHE HA PORTATO A UN ARRESTO E A 4 DENUNCE 

Banner

"Quello del torrente Valanidi, purtroppo, non è un caso isolato: nel ciclo illegale dei rifiuti, in Calabria, come emerge dal Rapporto Ecomafia 2023 di Legambiente sulla base dei dati disponibili relativi al 2022, sono stati accertati dalle forze dell’ordine 344 reati e 1.018 illeciti amministrativi, mentre nel ciclo del cemento, nello stesso periodo, i reati sono stati 871 e 1.083 gli illeciti amministrativi. In entrambe le filiere la provincia di Cosenza è prima in classifica seguita proprio dalla provincia di Reggio Calabria".

Banner

“Si tratta di dati che diventano ferite mortali per l’ambiente – sottolineano Parretta e Fontana - la cui tutela è entrata tra i principi fondamentali della Costituzione italiana. La normativa sui cosiddetti  ecoreati  ha reso più efficace la lotta ai crimini ambientali (si pensi all’inquinamento ambientale o al disastro ambientale, introdotti nel codice penale solo nel 2015) ma è evidente che occorre aumentare  le attività di prevenzione sul territorio per contrastare azioni criminali che rappresentano anche un pericolo concreto per la salute dei cittadini.Allo stesso modo è urgente rafforzare in Calabria l’attività di controllo sulle filiere più esposte ai fenomeni criminali che caratterizzano l’ecomafia”. 

Banner

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner