Innesti Contemporanei: la rassegna di Nastro di Möbius torna a Borgia per promuovere il teatro

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Innesti Contemporanei: la rassegna di Nastro di Möbius torna a Borgia 
per promuovere il teatro

  25 giugno 2024 18:39

 

Proseguono gli appuntamenti di Innesti Contemporanei, dopo una prima trance di spettacoli svolti presso la nuova Sala Teatrale Confine Incerto a Roccelletta di Borgia, e presso lArena Mobius con lo spettacolo Nei Secoli Fedele” a cura del Lighthouse e Teatro del Carro, la rassegna di teatro e arti performative ideato dallassociazione Nastro di Möbius arrivato alla IX edizione animerà ancora il borgo di Borgia dal 30 giugno, attraverso il teatro per famiglie e di drammaturgia contemporanea e installazione darte a cura del duo Zingarello/Pujia, un progetto che nasce per innestare sul territorio buone pratiche culturali, partendo dalla circuitazione di spettacoli teatrali dedicati alle famiglie e alla nuova drammaturgia, per continuare una programmazione teatrale a Borgia, confermando il suo elevato fermento culturale.

Banner

Un progetto fortemente voluto dallamministrazione comunale di Borgia guidata dal sindaco Elisabeth Sacco, che ha deciso di promuovere la rassegna teatrale Innesti contemporanei, prodotta dallAssociazione Nastro di Mobius. Lamministrazione comunale, attraverso lassessorato alle politiche culturali, delega in capo dallAssessore Virginia Amato, intende realizzare un serio circuito in cui tutte le arti e gli artisti possano mescolarsi in modo fluido ed omogeneo per lasciare unimpronta sul territorio comunale. Ogni artista, dichiara Amato, con la propria capacità di espressione e di tecniche e metodi di applicazione del proprio talento, può lasciare una traccia e, nel caso specifico, una morale da consegnare ed affidare ad altri con la speranza che si riesca a trovare la forza di trasmutare il negativo in positivo. Innesti Contemporanei è un progetto co-finanziato dal PSC Piano di Sviluppo e Coesione 6.02.02 erogate ad esito dellAvviso Distribuzione Teatrale” della Regione Calabria - Dipartimento Istruzione Formazione e Pari Opportunità – Settore Cultura e con il sostegno dell'Assessorato alle politiche culturali del Comune di Borgia.

Banner

 

Banner

 

 

I prossimi appuntamenti in programma

 

domenica 30 GIUGNO - BORGIA (CZ) - PALAZZO MAZZA - ORE 19:00 

Titolo: Al Mare 

Con: Claudio Massimo Paternò e con Ingrid Monacelli 

Figure animate:Ada Mirabassi 

Produzione: MTTM - Micro Teatro Terra Marique - APS e Tieffeu - Teatro di Figura Umbro 

 

Dove va a finire lacqua che noi non beviamo? Da questa semplice domanda parte il meraviglioso viaggio di una formica dalla sorgente di montagna, fino al mare. Nel percorso scoprirà cosa sono i ruscelli, i torrenti, le cascate, i fiumi e i laghi. Ne conoscerà i pericoli e comprenderà come poter superare le difficoltà. Imparerà a contare su sé stessa, ad essere più sicura dei propri mezzi, a risolvere i problemi. Trasformerà limpossibile in possibile e alla fine... riuscirà ad avverare il proprio sogno di vivere per sempre nel mare come un pesce.. 

 

 

Venerdi’ 5 luglio - BORGIA (CZ) - PALAZZO MAZZA - ORE 19:00 

STORIE DI PEZZA

Di e con AngeloGallo

Gli oggetti, i burattini, le marionette e le scene sono state completamente costruite e dipinte a mano dallo stesso burattinaio.

Durata: 60' circa.

"Storie di pezza" è uno spettacolo teatrale messo in scena attraverso li teatro di figura.

Burattini, marionette, muppet ed ombre cinesi raccontano otto storie che appartengono a tradizioni diverse, universi distanti ma paralleli tra loro.

Le suggestioni, le emozioni trasmesse dagli stessi pupazzi si avvalgono delle tecniche di manovra più antiche del mondo per trasportare lo spettatore in un viaggio nel quale le storie di un simpatico vecchietto si intrecciano con leggende orientali, fiabe fantasy, racconti regionali che hanno come scopo quello di analizzare la vita in tutte le sue sfaccettature. In questa varietà di mondi e di racconti 1protagonisti delle storie appaiono come specchio dellumanità e in egual modo, mossi dal bisogno di sorridere, amare e riflettere insieme

Angelo Gallo è un Mastro Burattinaio, regista e attore di teatro di figura. Ha vinto nel 2014 il premio internazionale "n OTELLO SARZI", 2023 ha vinto il Premio Internazionale Città di Gioacchino Da Fiore. Con i suoi burattini e i suoi pupazzi ha varcato le soglie dei più prestigiosi Festival e teatri del panorama nazionale ed europeo.

VENERDI’ 12 LUGLIO - ORE 19:00 PALAZZO MAZZA BORGIA 

IL DIO DELLE BLATTE 

di Davide Miccione e Gerri Cucinotta 

Regia Roberto Zorn Bonaventura Con Gerri Cucinotta
Scenografia Daniela Cornelio Produzione Castello di Sancio 

Noi abbiamo i maiali, i cani le galline che lavorano al nostro servizio. Loro hanno gli uomini...per capirle dobbiamo metterci alla loro altezza e quando arriverà il momento, il dio delle blatte, mostrerà maggiore compassione

Che cos’è una casa? Qualcosa che ci aiuta a stare al mondo o che ci separa da esso?
Averne una e sempre importante anche se non hai nessuno che valga la pena di ritrovare dentro oppure è lultima delle nostre illusioni? Scavando dentro le nostre sicurezze la voce di un uomo ci svela il nostro rapporto con lamore, lamicizia, il nostro rapporto con gli oggetti e con lo sguardo altrui, con la distruzione climatica e il sesso online, con il passare del tempo e i ragazzi delle pizze. Nel racconto tutto muta dinnanzi a noi, si fa grottesco e poetico, in attesa di manifestarsi nella rivelazione finale. In un monologo al contempo filosofico e cabarettistico, sfrontato e pudico si svela cosa si vede della nostra vita contemporanea quando si è disposti a vederlo, cosa si scorge stando discosto, cambiando prospettiva, assumendo uno sguardo altro, uno sguardo persino non del tutto umano, e che forse è ormai necessario per poterci riguadagnare la nostra piena umanità

 

VENERDI’ 19 LUGLIO - ORE 19:00 PALAZZO MAZZA 

SPINE

TESTO E REGIA

Massimo Barilla

Salvatore Arena

CON

Stefania De Cola

Mariano Nieddu

Lorenzo Praticò

SCENOGRAFIE

Aldo Zucco

MUSICHE ORIGINALI

Luigi Polimeni

 

Tre solitudini, tre solitudini mischiate alla pena. Un girotondo di

perdenti. Triangolo di solitudini, in un rettangolo di storia.

Personaggi che sembrano fantasmi: si muovono come le foglie degli

alberi di notte. Un racconto a più voci, intessuto di urla gridate

sottovoce.

Tre personaggi - ombre in una locanda senza avventori, ripetono

ossessivamente una storia che - loro dicono - li ha attraversati e li

ha resi testimoni per sempre.

La storia di unubriacatura, di un ferimento, di un Cassio degradato e

di un poco nobile Otello.

E Desdemona ? Cosa ne è di Desdemona ?

Ma questo non è che un pretesto, come in un metateatro scalcinato,

per giocare a essere ancora qualcosa, qualcuno, in un riflesso di

specchi e di identità: Lucio, il Capitano/Otello; la ruvida e seducente

ostessa Magdalena/Desdemona; loscuro e multilingue Becchino/in

parte Cassio e in parte Iago.

Solo un pretesto, una ricerca al buio, un tentativo inesperto - e per

questo incurante di sconfinare di tanto in tanto nelleccesso della

farsa o del melodramma – di riconquistare ancora un tempo, un

respiro, un corpo, una carne da risanare, per liberare lanima dalla

loro di storia irrisolta, dal loro sfuggire a se stessi, dal loro eterno

tentativo di svelamento del dramma celato che li abita.

Spine nasce da una necessità espressiva. Dallesigenza di

confrontarsi con una storia alta a partire dai margini, dai vuoti

non raccontati, dalla volontà di indagare strade normalmente

ignorate, sia in termini di drammaturgia che di ricerca linguistica.

La lingua è strumento mobile, dominata dalluso e dalla funzione,

nella quale il significante” si trasforma, assume colori e suoni nuovi,

spiazzanti, ma sempre ai fini di un rafforzamento di significato,

mai per se stessi, mai per pura ostentazione o funambolismo

linguistico. I dialetti, le lingue anzi, si mescolano. Sardo, siciliano, calabrese

(non per caso lingue madri degli attori), disposti a un uso alto, sanno

di vita, mai di quotidiano. Nellarea rimane questo impasto strano di accenti e di lingue, che

ha il suo culmine nella parlata del becchino, mescolanza inventata,

non lingua dei porti, ma dei morti, zeppa di ultime parole a essi

rubate, dai loro denti disincastrate (francesismi, inglesismi, spagnolismi,

germanismi riutilizzati più per fascinazione di suono che di senso).

 

VENERDI’ 26 LUGLIO ORE 19:00 PALAZZO MAZZA

 

U FIGGHIU 

c o n  A n n a M a r i a  D e L u c a, F r a n c e s c o G a l l e l l i , C l au d i o R o m b o l à

regia e drammaturgia S a v e r i o   Ta v a n o

Produzione T e a t r o d e l C a r r o

Premio teatro del Sacro 2019 

 

E' il giorno di Pasqua, è sera, e tutta la gente del paese è tutta riversata in piazza, borbotta: hanno rubato la corona di spine dalla statua della Passione di Cristo!. L'ha rubata Saro, il figlio di Nino e Concetta. Saro è un ragazzo schizofrenico, si è serrato in casa lasciando all'esterno anche i propri genitori, si è appropriato della corona di spine, convinto di essere egli stesso la reincarnazione di Gesù Cristo. Nino e Concetta aspettano dinanzi il portone, attraverso il loro dialogo si entra nel loro mondo, fatto di sacrifici, abnegazioni, sopportazioni, sopratutto da parte della madre Concetta che nonostante il dolore dato dall'ipocrisia e dal giudizio della gente del paese, sostiene con amore misericordioso la purezza, quasi divina, che risiede nella follia del figlio, con un'accettazione che solo una madre può avere nei confronti di un figlio che soffre di una malattia mentale, solo la madre riconosce la purezza del figlio e solo il figlio riconosce il richiamo della madre, che ristabilirà la quiete nel paese.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner