Inno Milano Cortina 2026, tra gli scrittori del brano di Malika Ayane c'è il reggino Gaetano Dino Chirico

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Inno Milano Cortina 2026, tra gli scrittori del brano di Malika Ayane c'è il reggino Gaetano Dino Chirico

Sono due i brani finalisti per l'Inno Milano Cortina 2026, è possibile votare il preferito entro il 22 febbraio 2022

  07 febbraio 2022 14:37

di CLAUDIA FISCILETTI

Fervono i preparativi per i Giochi olimpici invernali Milano Cortina 2026 con largo anticipo. A catturare immediatamente l'attenzione di un evento tanto importante è la scelta del suo Inno che darà quel quid in più in grado di caratterizzare meglio l'intera manifestazione. I brani in finale sono stati presentati durante il 72° Festival di Sanremo da Arisa ("Fino all'alba") e da Malika Ayane ("Un po' più in là"). Sarà possibile votare fino al 22 febbraio 2022 attraverso il sito ufficiale di Milano Cortina 2026 (www.milanocortina2026.org).

Banner

A firmare il brano di Malika Ayane sono gli allievi del CPM Music Institute di Milano frequentanti il 3° anno del corso di Writing&Production. Gaetano Dino Chirico, Veronica Gori, Giovanni Muggeri e Marco Pezzali hanno risposto al contest curato dalla direzione artistica del M° Peppe Vessicchio, proponendo un brano che racconta delle aspettative che ognuno ripone in se stesso e della necessità di spingersi oltre i propri limiti.

Banner


Da sinistra verso destra: Giovanni Muggeri, Veronica Gori, Gaetano Dino Chirico, Marco Pezzali

Banner

Tra i ragazzi che hanno realizzato "Un po' più in là", Gaetano Dino Chirico è di Reggio Calabria, trasferitosi a Milano per proseguire i suoi studi di Psicologia ed iscrivendosi al CPM Music Institute, che coordina anche con un suo progetto musicale 'Hesanobody'. "Nel bando a cui abbiamo risposto c'era la richiesta di un brano che parlasse di valori olimpici, solo che era qualcosa di difficile secondo noi, che non siamo atleti", così Gaetano spiega il processo creativo che ha portato alla realizzazione del brano: "Abbiamo pensato a cosa ci accomuna agli atleti che si preparano per i giochi olimpici e, sicuramente, anche il voler vivere di musica comporta una serie di sacrifici e il dover insistere portando un po' più in là i propri limiti"

Sul vedere ed ascoltare il brano a Sanremo, Gaetano afferma: "Credo di parlare anche a nome degli altri colleghi quando dico che non abbiamo realizzato benissimo questa cosa. Ti domandi se è tutto vero, prima la cantavamo in casa e adesso c'è l'orchestra, c'è Malika Ayane e c'è il contesto sanremese. Sembra tutto una follia"

Questo è solo uno dei tanti traguardi che prima o poi vorrà raggiungere Gaetano mentre, nel futuro, prevede altri lavori con i suoi attuali compagni di viaggio: "L'estate scorsa abbiamo fatto anche dei lavori per i racconti finalisti del Premio Campiello Giovani di Venezia, ed essendoci trovati così bene dopo queste due esperienze, abbiamo deciso di scrivere un po' di brani insieme e vedere cosa succede".

TESTO DI "UN PO' PIU' IN LA'" e QUI IL VIDEO DI MALIKA AYANE A SANREMO

Uwo – uwo – uwo
Uwo – uwo – uwo
Uwo – uwo – uwo
Uwo – uwo – uwo

Partire non basta mai,
è all’arrivo che scopri chi sei.
Cadere è un attimo…
fermarsi è facile.
Mirare più in alto,
vincendo su un altro,
non è una cosa più grande di te!
Abbraccia quel sogno, accendi quel lampo
sapendo che in fondo ce la puoi fare.
Basta spingersi un po’più in là
spingersi un po’ più in là
solo spingersi un po’più in là
spingersi un po’più in là

Uwo – uwo – uwo
Uwo – uwo – uwo
Uwo – uwo – uwo
Uwo – uwo – uwo

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner