La gara per realizzare l'aiuola prospicente lo scoglio di Santa Maria dell’Isola non era irregolare, tutti assolti

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La gara per realizzare l'aiuola prospicente lo scoglio di Santa Maria dell’Isola non era irregolare, tutti assolti
tribunale di vibo
  22 aprile 2021 17:52

Il Tribunale di Vibo Valentia, ha assolto tutti gli imputati portati a processo per turbata libertà degli incanti e falso, relativamente alla realizzazione di un’aiuola prospicente lo scoglio di Santa Maria dell’Isola.

La vicenda, risalente all‘estate del 2014, ha visto coinvolti il vice Sindaco di Tropea, Dr. Domenico Tropeano (difeso dall’Avv. Sandro D’Agostino) e il consigliere Comunale Caterina Strano (difesa dall’Avv. Pasquale Pisani), i quali – secondo l’accusa –  avrebbero condizionato l’Arch. Francesco Grande Francesco (difeso dagli Avv.ti Michele Accorinti e Damiano Vita), affinché rendesse falsa la gara indetta per l’aggiudicazione dei lavori che avrebbero favorito il Sig. Amoroso Roberto (difeso dall’Avv. Francesco Muzzopappa), già individuato come aggiudicatario dei lavori (con il concorso di Rizzuti Raffaela difesa dall’Avv. Francesco Muzzupappa e Turiano Maria difesa dall’Avv. Antonello Fuscà).

Banner

Le presunte irregolarità, per le quali la Procura della Repubblica (Pm Dott. Dell’Aquila) aveva chiesto la pena di un anno di reclusione (un anno e due mesi per l’Arch. Grande), denunciate in sede di accesso della Commissione antimafia, erano state poste a fondamento della richiesta di scioglimento dell’Ente comunale.

Banner

Nel corso del dibattimento, in cui sono sfilati i testi di Polizia Giudiziaria, le difese (rinunciando persino all’escussione dei propri testi di lista) hanno dimostrato come non fosse necessaria alcuna gara atteso l’importo minimo, ed assolutamente conveniente per l’Ente, utilizzato per la realizzazione dell’opera pubblica che, peraltro, veniva realizzata proprio in occasione della riapertura del Santuario che rappresenta il simbolo della Città. 

Banner

La Sentenza del Tribunale di Vibo Valentia pone fine ad una vicenda giudiziaria protrattasi per anni, ristabilendo la verità sulla correttezza dell’amministrazione comunale di Tropea e sulla piena legittimità degli atti adottati.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner