La Giunta regionale nomina di "soppiatto" otto direttori generali

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La Giunta regionale nomina di "soppiatto" otto direttori generali
La Cittadella regionale a Catanzaro
  10 giugno 2019 14:55

La decisione è arrivata a sorpresa. Nella scorsa seduta della Giunta regionale è stata inserita la classica delibera fuorisacco: la nomina di ben otto direttori generali dei dipartimenti della Regione. E se nella maggior parte dei casi si tratta di riconferme dei precedenti dirigenti in carica, ad agitare le malelingue dei corridoi della Cittadella sono state le modalità del conferimento degli incarichi. Nessuna pubblicità della selezione, nessun avviso interno per sondare se altri dirigenti regionali potessero essere interessati a guidare i sei dipartimenti in questione. Fatto sta che le nomine sono avvenute il 6 giugno scorso senza che nemmeno il resoconto dei lavori dalla Giunta ne facesse menzione. Una circospezione che, come al solito, alimenta sotterranei mal di pancia anche perché avvenuta in coincidenza di sostituzioni “obbligatorie”. Come quella per i dipartimenti lavoro e sviluppo economico, il cui dirigente generale, Fortunato Varone, è stato recentemente coinvolto nell’inchiesta Passepartout.

GLI OTTO DIRETTORI GENERALI NOMINATI  Accantonando le forme, la lista degli otto dirigenti individuati è la seguente: Bruno Zito al dipartimento Organizzazione e Risorse Umane, Orsola Reillo al dipartimento Ambiente e Territorio, Filippo De Cello al dipartimento Bilancio, Giacomo Giovinazzo al dipartimento Agricoltura e Risorse agricole, Sonia Tallarico al dipartimento Istruzione e Attività culturali, Francesca Gatto al dipartimento Turismo e Spettacolo e Domenico Schiava al dipartimento Urbanistica e Beni Culturali

Banner

g.r.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner