La Regione pubblica la graduatoria del bando per migliorare le condizioni igieniche e lavorative dei pescatori

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La Regione pubblica la graduatoria del bando per migliorare le condizioni igieniche e lavorative dei pescatori

Previsti anche interventi per qualità e salubrità dei prodotti ittici

  14 aprile 2022 13:46

Migliorare le condizioni igieniche, di sicurezza e di lavoro dei pescatori calabresi, nonché la qualità e la salubrità dei prodotti ittici. È questo l’obiettivo del bando Feamp in relazione alla misura 1.32 “Salute e sicurezza”, della quale è disponibile - sul portale istituzionale www.regione.calabria.it - la graduatoria definitiva valida per l’annualità 2020.

Dai lavori di istruttoria dell’apposita commissione di valutazione istituita dal Dipartimento Agricoltura, è emerso come siano sei i progetti ammissibili ed immediatamente finanziabili, per un contributo totale concesso pari a 151.577,02 euro. Altri ventotto progetti, per un importo complessivo di 291.896,04 euro, hanno superato il vaglio di ammissibilità ma non sono stati al momento finanziati: per essi si conta di riuscire comunque a garantire l’adeguata copertura, attraverso il reperimento delle somme necessarie.

Banner

“Abbiamo già richiesto al Mipaaf di poter trasferire su questa importante misura ulteriori risorse – spiega l’assessore regionale alle Politiche Agroalimentari, Gianluca Gallo – in modo da garantire al più presto lo scorrimento della graduatoria e poter finanziare tutti i 34 progetti ritenuti ammissibili”.

Banner

“Questo intervento del Feamp – aggiunge Gallo - è fondamentale per migliorare la qualità e la salubrità del pescato calabrese e, di conseguenza, la competitività delle imprese ittiche, favorendo investimenti finalizzati a modernizzare la flotta da pesca e a migliorare le condizioni di lavoro dei pescatori, sia dal punto di vista della sicurezza, sia sotto il profilo della tutela della salute e dell’igiene a bordo, in piena aderenza alle norme ancor più restrittive imposte a causa della pandemia da Covid-19”.

Banner

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner